Aquarius: io so di non sapere

In questa prima domenica di vacanza per molti studenti, sembra che tutti nei social sentano il bisogno di dire la propria opinione sul dramma dell’Aquarius, una nave che nella notte ha raccolto 629 persone in fuga dall’inferno e a cui ora sia il governo italiano sia quello maltese negano l’attracco nei rispettivi porti.

Nei social è in corso una guerra in cui si deve prendere posizione. Sei per accogliere? Sei per non accogliere? Giù insulti da chi non è d’accordo! Accuse di razzismo, nazismo, schiavismo, complicità con terroristi e deliri a non finire. Tutti sembrano esperti di diritto marittimo, trattati europei, SAR (che magari confondono con la VAR del calcio), situazione sulla nave, ecc… beati loro!

Io invece non so assolutamente nulla!
Alcune cose che non so, in ordine sparso…

  • Può un ministro degli interni impedire a una nave carica di rifugiati di attraccare in un porto?
  • Può il sindaco di una città dichiarare che la nave è libera di attraccare li?
  • Può l’Italia “chiudere i porti”?
  • Può farlo Malta? E perché lo fa?
  • Quante persone può ospitare la nave Aquarius?
  • In che situazione sono le persone a bordo?
  • Stanno ricevendo assistenza medica?
  • Quanti viveri ci sono e che autonomia ha la nave?

Tutto dipende dalla situazione delle persone a bordo e da cosa è legittimo e cosa no.
Se la situazione a bordo è critica, certo che vanno accolti subito!

E’ però innegabile che da anni l’Italia venga lasciata sola nell’accoglienza. E’ giusto così? E’ legittimo? Quali sono le regole? Può questa reazione mutarle o è solo propaganda sulla pelle di persone che soffrono?

Già solo sapere se il ministro può “chiudere i porti” e un sindaco può “aprire il proprio porto” farebbe finire la ridicola (da ambo le parti) “gara di hashtag” di queste ore.

Ma io non lo so come stanno le cose e non me la possono spiegare i social che da grande opportunità di crescita per tutti, ormai sono diventati uno sfogatoio dove si commentano con la stessa enfasi il Grande Fratello, una finale di calcio e l’odissea di 629 persone.
Vorrei il riferimento a qualche sito neutrale che spieghi le cose ma temo che linkando questo post al mio profilo Twitter riceverò al più insulti, sia da chi non vuole i migranti (ma l’altro ieri citava le “radici cristiane” contro le famiglie lgbt), sia da chi li vuole (ma rimpiange il governo precedente che pure aveva stretto accordi per non farli partire, pur lasciandolii finire nelle infernali prigioni libiche),

L’unica cosa di cui sono certo è che questo mondo fa schifo e i social ne sono lo specchio.

Io prego per quelle 629 persone e per “un mondo migliore, con gli occhi aperti ma senza frontiere” (cit.)

Ah, e sempre più frequentemente medito di cancellarmi da Twitter.

La mia opinione sul Contratto di Governo M5S-Lega

Mi interesso di politica, voto M5S dal 2012 e se si tornasse a votare domani voterei ancora loro perche’ in tutta coscienza non trovo altri partiti degni del mio voto E con prospettive concrete di fare qualcosa. Questo non vuol dire che sia d’accordo con M5S su tutto, ma con la maggior parte delle loro proposte si’ e soprattutto con la loro impostazione politica partecipativa.

Oggi mi trovo nell’inedita (perche’ nessun altro me lo ha mai fatto fare) situazione di approvare o meno il loro contratto di governo con la lega, un partito che detesto.

La realta’ pero’ e’ che le elezioni politiche hanno dato un risultato evidente. M5S e’ il primo partito ma non ha la maggioranza assoluta quindi non puo’ formare un governo da solo. Dunque deve fare un accordo. Ha provato con il PD, che pure era timidamente interessato, ma Renzi ha infantilmente detto di no (pare decida tutto lui). Non puo’ certo fare accordi con Forza Italia guidata da Berlusconi. Resta la lega, e quindi ecco non un’alleanza ma un contratto, come si fa negli altri paesi europei, Germania in primis.

Noi elettori M5S e gli elettori della lega abbiamo la fortuna di poterci esprimere, a differenza di quanto e’ accaduto ad esempio quando Renzi e Berlusconi hanno deciso di fare un governo assieme.

Ora quindi leggero’ il PDF del contratto e valutero’ punto per punto dividendo fra cosa condivido/mi piace, cosa posso digerire, cosa non mi piace e cosa non posso proprio accettare.
Da ricordare (anche a me stesso) che si tratta di un compromesso fra forze con visioni diversi su molti temi. Entrambe le parti devono quindi accettare qualcosa. In questo senso se qualcosa non c’e’ puo’ anche essere un bene. Per esempio i diritti LGBT: non se ne parla nel contratto. Male? No, meglio. M5S e’ a favore, la lega e’ per cancellarli. Meglio tenere fuori l’argomento. In ogni caso M5S ha molti piu’ parlamentari della lega quindi puo’ fare da argine a iniziative contro i diritti (non solo lgbt).

Nel giudicare il contratto io terro’ anche presente che se non si fa questo governo si tornera’ al voto in pochi mesi e i sondaggi danno la lega in crescita (a scapito di forza italia), il che vorrebbe dire tornare alla ricerca di un accordo m5s-lega ma con maggior forza della seconda. Insomma, forse puo’ andare peggio quindi vediamo cosa va bene e cosa e’ meglio diger

1-Funzionamento del Governo
Bella la pianificazione delle metodologie per lavorare assieme e l’idea del comitato di conciliazione per affrontare i conflitti. Sacrosanto il codice etico.

2-Acqua pubblica
Apprezzo il rispetto dell’esito referendum sull’acqua pubblica.

3-Agricoltura
Condivido il proposito di un’azione piu’ incisiva in sede Europea.

4-Ambiente
Condivido propositi di ridurre dipendenza da carbone e fossili e grossomodo tutto il capitolo.

5-Banca per gli investimenti e risparmio, tutela del risparmio
Vivendo in un territorio che ha pagato e caro alcuni crac bancari non posso che condividere i propositi che leggo. E’ da vedere come e se verrebbero concretizzati. Avendo seguito in streaming diversi interventi M5S sulle banche mi fido di loro.

6-Conflitto di interessi
Impossibile non essere d’accordo.

7-Cultura
OK

8-Debito pubblico e deficit
Condivido la ridiscussione dei trattati dell’UE (se ne siamo parte dobbiamo poterlo fare e non solo sottostare) e trovo ragionevole la richiesta di scorporare gli investimenti pubblici produttivi dal deficit. L’austerity non puo’ essere l’unica strada per risolvere tutti i problemi. Sacrosanta la trasparenza sulle operazioni in derivati di Stato e enti locali, visto che usano i nostri soldi.

9-Difesa
Non mi piace tantissimo, troppo generico. Non mi piace che l’Italia venda certe tecnologie all’estero soprattutto a certi stati. Ma e’ gia’ cosi’ a dire il vero. In generale il punto mi lascia perplesso. Condivido invece il riferimento al ricongiungimento familiare, se e’ riferito a personale che lavora in zone d’Italia diverse da quella dove risiede la famiglia.

10-Esteri
Non condivido l’apertura alla Russia. Mi preoccupa un generico riferimento a “cooperazione con i paesi impegnati contro il terrorismo” nell’area del mediterraneo. Generalmente si tratta di paesi non troppo democratici. Giusti propositi di ripensare voto estero e offrire piu’ servizi a chi va a vivere permanentemente all’estero.

11-Fisco
D’accordissimo con la sterilizzazione clausole IVA e eliminazione di alcune ormai ridicole accise sulla benzina.
La flat tax non mi piace molto ma cerco di essere concreto: la lotta all’evasione da sola non basta. Forse abbassando le tasse verrebbero pagate da piu’ persone. Diversamente da quanto taluni dicevano sui social, non vi sarebbe un trattamento fiscale piu’ penalizzante rispetto all’attuale grazie ad alcuni accorgimenti. E’ sempre meglio leggere le fonti ufficiali prima di commentare. Giusta una verifica dello Stato meno violenta verso i cittadini. Deve essere lo Stato a provare l’irregolarita’ non il cittadino a dimostrare di essere in regola. Non sono d’accordissimo su abolizione redditometro e rifiuto patrimoniale. Su molti altri punti scritti nel paragrafo pero’ concordo. Diciamo ok con riserva.

12-Giustizia
Area magistratura e tribunali: ok

Area penale: un grosso NO alla difesa sempre legittima.
Un grosso SI invece alle norme di maggiore attenzione e contro il femminicidio e i suoi segni (maltrattamenti, stalking, ecc). Chi ha detto che il contratto non parlava delle donne forse poteva andare oltre che cercare “donne” nel testo…
La parte sui crimini dei minori e l’impunibilita’ e’ troppo generica, ancorche’ il tema va affrontato (vedi piccoli costretti a delinquere in quanto non punibili)
Giusta revisione prescrizione.
D’accordo su certezza pena e pene piu’ severe per furti, rapine e truffe agli anziani.
Nel complesso… piu’ si che no, a malincuore per la legittima difesa, pericolosissima.

Area civile: ok su tutto, in particolare la class-action.

Diritto di famiglia: troppo generico per non essere d’accordo. Evidentemente frutto di compromesso. Va bene cosi’.

Contrasto alle mafie, reati ambientali: ok.

Ordinamento penitenziario: ok con riserva per il discorso di far scontare la pena agli stranieri nei paesi d’origine. Dipende da paese a paese e da come verra’ implementata la cosa.

13-Immigrazione
D’accordo su una maggiore trasparenza nella gestione dei centri d’accoglienza e al fatto che siano gestiti dallo Stato. D’accordo sulla discussione in sede europea dei vari trattati inerenti l’immigrazione.
Per niente d’accordo sui piani per espellere mezzo milione di persone in Italia in maniera irregolare. In buona parte non fattibili ma comunque sbagliati. Gia’ piu’ sensate esigenze di trasparenza sui flussi di denaro inerenti confessioni religiose (ma li estenderei a tutte) e verifiche per evitare ricongiungimenti fittizi ecc.
Sul 13 direi NO anche se ci sono parti condivisibili e problemi che comunque vanno affrontati e se non lo fa questo governo, domani potrebbe farlo uno a trazione destra assai peggiore.

14-Lavoro
D’accordo su pressoche’ tutto, in particolare sul salario minimo, il divieto di apprendistato gratuito e la lotta alla precarieta’.

15-Lotta alla corruzione
OK senza se e senza ma.

16-Disabilita’
Tutto assolutamente condivisibile.

17-Pensioni
D’accordissimo. Ovviamente con la riserva di vedere come faranno il tutto, ma i propositi sono giusti.

18-Politiche per la famiglia
D’accordo su tutto eccetto la parte sugli asili nido gratuiti per le famiglie italiane. Ma tanto sono pochi non bastano e la gente andra’ sempre e cmq in quelli privati a pagamento. Va detto tuttavia che abbassando l’eta’ pensionabile piu’ anziani potrebbero tornare a fare i nonni, invece che lavorare a 65/67/70 anni… Diciamo comunque OK con riserva su quella parte, in realta’ probabilmente non fattibile o che la corte costituzionale boccerebbe.

19-Reddito di cittadinanza
Esiste in molti altri paesi ed e’ sacrosanto. Riduce sfruttamento, lavoro nero e rischio che la gente cada nel crimine. Le persone non sono pagate per non lavorare, basta informarsi per saperlo. Ah, elimina anche le mance elettorali e forse per questo non piace.

20-Riforme istituzionali
OK su referendum. OK su vincolo di mandato con le adeguate attenzioni per non ridurre la liberta’ di dissenso dal proprio gruppo/partito. In generale OK su tutto in particolare la verifica degli effetti delle varie leggi esistenti. OK diritto accesso per ogni cittadino alla Rete.

21-Sanita’
OK. Per inciso la proposta non mette in discussione i vaccini come qualcuno ha affermato. Basta leggere.

22-Scuola
OK su tutto, in particolare circa le “classi pollaio”, gli eccessi dell’alternanza scuola-lavoro, gli insegnanti allontanati dal proprio territorio d’origine, la tutela dei diplomati magistrali.

23-Sicurezza
Forze dell’ordine: riserve circa l’uso del taser. D’accordo sull’uso di videocamere sulla divisa.

Vigili del fuoco: OK

Polizia locale: OK

Cybersecurity e bullismo: OK, piu’ che OK

Gioco d’azzardo: piu’ che OK alla limitazione slot ecc

Occupazione abusiva: OK con riserva, per come sara’ gestita e che attenzioni ci saranno alle persone e che alternative saranno date.

Sicurezza stradale: OK

Campi nomadi: sono fondamentalmente d’accordo, soprattutto per la tutela dei minori nomadi che spesso vivono in condizioni igieniche e sociali non salutari. L’importante e’ che non ci si limiti a sgomberi. Il paragrafo si rifa’ a proposte dell’UE.

24-Sport
OK

25-Sud
OK all’approccio che il contratto riguarda tutta Italia. Come mi pare normale che sia.

26-Tagli costi politica
OK

27-Trasporti, infrastrutture e tlc
OK. Apprezzo soprattutto interesse versi i veicoli elettrici e il trasporto su ferro. Storicamente l’Italia ha privilegiato la gomma, anche per esaudire i costruttori di auto.

28-Turismo
OK a parte web tax turistica (e in genere ogni web tax).

29-UE
OK con riserva al dialogo con l’EU per la piena attuazione di vari trattati. OK al rifiuto di norme penalizzanti in CETA, TTIP ecc.

30-Universita’
OK su tutto, con apprezzamento del superamento dell’attuale sistema dei test di ingresso (che a me paiono una lotteria), dei fenomeni di baronato e incentivazione della ricerca.

 

Ebbene, l’ho letto tutto. Contrariamente alle bozze e ai commenti al vetriolo sulle bozze l’ho trovato meno difficile da digerire di quanto mi aspettassi. Ci sono cose su cui non sono per niente d’accordo, cose che spero non avvengano, cose che difficilmente avverranno. Ci sono pero’ anche parecchie cose che condivido. E c’e’ la certezza che ogni alternativa allo stato attuale (o peggio, dopo un ritorno al voto, magari con crescita della lega) e’ peggiore.

In questo compromesso sia M5S sia lega (che continuero’ a detestare) hanno ceduto su molte cose.
Continuero’ a detestare le idee della lega, ma trovo in gran parte condivisibile questo contratto di governo e quindi la mia posizione onesta e’ che voto a favore. Con diverse importanti riserve ma voto a favore, convinto che M5S sapra’ tenere a bada le spinte in avanti leghiste nell’attuazione dei punti per me critici del programma.

Con questo post non voglio convincere nessuno ma solo far conoscere ai miei amici e a chi ha piacere di leggermi il mio pensiero su questo possibile governo.

Moro, 40 anni fa, il tempo, le vite

I bambini di oggi ricevono molti piu’ input dal mondo esterno. Ai miei tempi, quando ero piccolo io cioe’, non era cosi’. Sapevo comunque di Moro, che era stato rapito, e quando l’8 maggio venne ucciso mia madre me lo disse. Mi ha sempre raccontato che ero rimasto molto triste e quel giorno non avevo nemmeno voluto guardare “la tv dei ragazzi” (lo spazio che la RAI dedicava alla programmazione per i piccoli).

Incredibile siano gia’ passati 40 anni. Tanti? O “solo” quaranta?
E’ una vita fa, mi riporta a momenti lontani ma mi fa anche capire quanto l'”oggi” sia limitato e piccolo rispetto allo scorrere del tempo.

 

Pensa e usa il cuore

Pensa e usa il cuore, davvero.

Pensa e usa il cuore dico a chi esce dalle nostre vite senza una spiegazione, immerso/a in se’ e nei suoi pensieri/problemi/quel che e’ al punto da non preoccuparsi dei vuoti e degli interrogativi che lascia.

Pensa e usa il cuore dico a chi viene, va, viene, va, senza seguire altro che le proprie emozioni, mettendo al centro se’ e non gli altri.

Pensa e usa il cuore dico a chi ti si riavvicina quando la vita gli va bene, ricostruisce un legame, ne crea di nuovi e dopo senza spiegazioni dall’oggi al domani, recide i fili.

Pensa e usa il cuore, dico.

Il Popolo della Famiglia

Un commento serio sul Popolo della Famiglia che chi mi segue su Twitter ben sa quanto io non sopporti.

Il pdf aveva questo programma: vietare le unioni civili, vietare l’educazione al rispetto degli omosessuali, vietare l’aborto, vietare il divorzio, dare soldi alle donne che invece di lavorare restavano a casa a fare figli. Il pdf inoltre era contro gli stranieri e il riconoscere ai loro figli la cittadinanza.
Il pdf chiedeva il voto dei cattolici sostenendo di essere l’unica scelta possibile e coerente con il Magistero della Chiesa.

Se le proiezioni saranno confermate, il pdf avrà meno del 3% che è la soglia per entrare in parlamento. Ora si parla dello 0.7%.
Stasera Adinolfi ha detto di essere stato votato dai “cattolici identitari” ovvero coloro che rivendicano il proprio essere cattolici.

Per quanto mi riguarda è un autogol clamoroso, figlio dell’egocentrismo di Adinolfi.

Fino alla fine degli anni ottanta c’era un unico partito vicino alla Chiesa ed era la DC, Democrazia Cristiana. E’ crollata fra mille inchieste giudiziarie (la famosa “tangentopoli”). Oggi esistono diversi partiti e partitini che si dicono vicini ai cattolici. Pure Berlusconi, nonostante i suoi festini osè serali.

La Chiesa da tempo non insegue un unico grande partito ma cerca di portare persone vicine ai propri valori in tutti i grandi partiti.
Uno dei motivi è che temono che puntando tutto su un “partito della Chiesa” si vada a una “conta” dei cattolici e se il risultato è modesto nessun partito insegua più “il voto cattolico”, dando quindi ancora più spazio a cose a loro avverse, se non addirittura a rivedere i patti lateranensi (gli accordi che regolano i rapporti Stato italiano e Chiesa) e l’8×1000 ossia la marea di soldi che l’Italia dà alla Chiesa Cattolica.

Ebbene, Mario Adinolfi ha appena fatto questo e lo rivendica. Se ascoltiamo lui i “cattolici identitari” sono lo 0.7. Non degli italiani ma di quanti hanno votato.

Ha fatto bene? E’ davvero un buon cattolico, sebbene divorziato e risposato?
A ognuno il proprio giudizio.

Finco

Ho conosciuto due “Finco” (e’ un cognome) in vita mia.

Uno, mi faceva ammattire in parrocchia perche’ i nostri caratteri collidevano, pero’ alla fine abbiamo fatto un sacco di belle cose con pochi mezzi e linee lentissime rispetto a oggi. Se lo e’ portato via la leucemia.

L’altro era un collega di mia madre in ufficio a Mestre. Persona vivace, giocherellona, a me che al tempo ero piccolo faceva tanto ridere. Poi si e’ rimesso in gioco: mentre lavorava ha fatto l’universita’, ha vinto un concorso e la sua posizione in ufficio e’ cambiata. Un paio d’anni fa ho saputo che se l’e’ portato via un tumore.

Io talvolta mi domando davvero quanta gente ogni anno venga sterminata da questa malattia e quanta dell’insorgenza di questa malattia la dobbiamo all’inquinamento in cielo, a terra e sottoterra.

Quanto ci farete morire per i vostri loschi affari e per le bonifiche non fatte e gli scandali taciuti?

Cosa c’e’ sotto le nostre citta’? E sopra?

Ma a parte questo, dedico un pensiero a queste due persone che mi son tornate in mente in questa sera di esplorazione pigra di Mestre su Street View…

10 anni

E oggi sono 10 anni che sei andata in cielo, nonna. E anche 10 da quella notte in casa di riposo aspettando il medico che certificasse e sentendo i lamenti di altri anziani non più lucidi, tenuti in vita a forza di flebo e dolore. E c’è chi dice che è vita da vivere fino in fondo. Anzi che la vita è un dono e ci è indisponibile. Ma cosa vorrà mai dire? Se mi fanno un dono posso decidere cosa farne. Si sforzassero di essere chiari.

Il mondo è profondamente ingiusto e lo è di più chi parla senza sapere o per dettar legge. Ma spezza il cuore vedere tua nonna, 95 anni non più lucida, pelle e ossa, tenuta al mondo con flebo dolorose, che piange di dolore ogni volta e chiede cosa ha fatto di male
E davvero uno si chiede: a che pro?

Io li ho capito una cosa: non voglio finire la mia vita a quel modo.
Frequentate una casa di riposo per persone con demenza senile e capirete molte cose.

Tornando alla mia nonna, come riassumere 95 anni in tre righe?

Nascere emigrata in povertà e perdere fratelli per stenti e malattie, perdere la madre di cancro, sopportare 2 guerre mondiali, perdere il marito perché quella merda di mussolini lo manda a morire in Russia, lavorare duro, essere una brava nonna e finire soffrendo senza contezza di sé.

Ti ho voluto bene. Il resto di questo pensiero appartiene a noi e non lo condividerò.
Spero tu abbia trovato la Pace.

“E vanno via”

Dapprima non ci dai peso. Notizia anonima nel flusso continuo che ci accompagna.
Poi leggi che è morto. Ti dispiace, magari dici una preghiera ma ancora è una notizia lontana.
Poi esce il nome. “Oh cavolo”. Ma no sarà una omonimia. Poi escono i dettagli. Di dov’era, di dov’è, dove faranno il funerale. Troppe coincidenze. E così capisci che ad andarsene è qualcuno con cui hai condiviso qualche anno di elementari quasi 40 anni fa. Non vi siete più visti poi, hai solo frammenti di ricordi. Ma quelli sono. C’era una familiarità se non altro. Avete passato anche momenti di gioco assieme.

E inizi a pensare. Chissà se la Maestra lo sa (ma sarà ancora viva?). Chissà cosa si prova a scoprire che un proprio alunno è morto. Ma poi che ne sai, magari ne sono morti anche altri della tua classe ma non sono finiti al tg. Perché alcune morti fanno notizia ma altre no.
E ricordi frammenti. Frammenti privati che non renderai pubblici qui nel caso qualcuno unisca i puntini e capisca di chi stai parlando. Frammenti difficili e frammenti felici. Quella volta che in gita siedevi con lui e nei tunnel con la luce intermittente lui si metteva come Actarus per immaginarsi in corsa verso Goldrake per quei sentieri tortuosi dei cartoni. Te lo insegnò e ti è rimasto impresso fino a oggi. Poi se scavi ti viene in mente altro. Quotidianità a scuola, momenti, giochi, lezioni. E corri a pensare a come è finita la sua vita. E ti domandi cosa c’è stato in mezzo fra quando lo conoscevi tu e quando la sua clessidra è rimasta senza sabbia.

E fa effetto, mette malinconia, fa pensare che nulla è infinito. Come mette malinconia la dinamica della sua morte. Se ne sarà reso conto? Avrà sofferto? E dopo? Quando si è ritrovato dall’altra parte? Avrà visto il suo corpo? O dritto verso il tunnel di luce? Avrà rivisto la sua vita come dicono? Magari ha rivisto gli anni di scuola. Magari ha attraversato e rivissuto quelli che sono miei ricordi lontani. E adesso è in pace.

Ciao, Riposa in Pace. Ovunque sia e comunque sia fatto il Dopo. Veglia sui tuoi cari che lasci.

 

PS: o magari è davvero un caso di ominimia e allora se mai quella persona leggesse questo post può toccare tutto il ferro che vuole. ;)

Cose belle

Cose belle degli ultimi giorni…

  • Una delle persone che più stimo al mondo mi ha detto una frase bellissima.
  • Sono riuscito a fare cose che mi ripromettevo da tempo.
  • Ho scritto una lettera con il cuore.
  • Una situazione che mi ha tormentato tutto l’anno ha avuto svolta inattesa, di quelle che davvero ti fanno dire mai dire mai!

E insomma, sono contento…

14 years ago

Oggi sto facendo un mucchio di cose, e stanno venendo bene, ma ho capito che in fondo sto riempiendo volutamente la mente… lo dico perche’ quando poi sono capitato al 17 ottobre di 14 anni fa sono tornati tanti pensieri e quel brivido di allora, poi rivissuto un’altra sola volta…

Ma e’ stato un attimo, un attimo di malinconia seguito dalla consapevolezza del vissuto, del presente e di quanto i legami vadano davvero oltre il mondo terreno, continuo ad averne prove, ma resta sempre difficile.

Grazie di esserci stata e di esserci ancora. Scusa se a volte sono io che non ti sento, avvolto dai rumori di quaggiu’…

A proposito di smartphone a scuola (e a casa)

Mentre in Italia parecchi sotuttoio con lo smartphone sempre in mano dicono che no, orrore, no allo smartphone a scuola, via la ministra Fedeli ecc, in una scuola internazionale a Hurgada, Egitto, si fa quanto segue. Cito dalle parole della mamma della mia nipotina, che ha iniziato oggi la seconda elementare:

“La cosa che più mi ha lasciata a bocca aperta (ma sembravo l’unica) è che dovremo acquistare uno smartphone ai nostri figli che verrà portato in classe ogni mattina e depositato in un box personale installato sul banco che sarà chiuso a chiave, con questo telefono i bambini faranno ricerche su Internet seguiti dagli insegnanti, insegnanti che tra l’altro annoteranno i vari voti, note o comunicazioni alla famiglia. I telefoni dei bambini saranno collegati a quelli dei genitori che riceveranno il tutto in tempo reale su whatsapp.”

Ancora, durante la prima riunione dei genitori e’ stato fatto scaricare loro un lettore di QR Code con cui hanno avuto accesso a una cosa ben più evoluta del nostro registro elettronico, un sistema che permette ad alunni e genitori di rivedere e seguire le lezioni, trovare filmati, vedere le varie prove d’esame, interagire con i diversi maestri per qualsiasi dubbio o chiarimento. Oltre naturalmente alle funzioni da registro elettronico che, miracolosamente, sono arrivate pure in Italia.

Bene cari sotuttoio, possiamo restare a inchiostro e calamaio oppure guardare avanti, ricordando pero’ che qualunque cosa facciamo, gli altri paesi andranno avanti e siccome ormai il mercato del lavoro e’ globale, i bambini italiani una volta cresciuti dovranno contendersi i posti con coetanei formati in modo piu’ moderno, sia che restino in Italia sia che vadano all’estero.

Tre mesi a Natale

Fra tre mesi sarà Natale. Lo sappiamo e lo aspettiamo. Chi per andare a qualche Messa in più e sentirsi un bravo cristiano solo per questo, chi per fare dei doni al prossimo e sentirsi felice, chi per farsi o ricevere dei doni, chi per rivivere la venuta di Gesù, chi per ogni altro motivo o tutti questi messi assieme. Natale è di tutti anche se alcuni vorrebbero fosse solo loro e che solo la loro visione sia quella vera.

Io non lo so ma lo aspetto per tanti motivi diversi. Auguri in anticipo :)

php_curl.dll in PHP 7.0.21 e 7.1.7 su Windows x64

Se come me avete passato un pomeriggio della vostra vita a cercare di capire perche’ in PHP 7.0.21 su Windows x64 non funziona cURL, mentre funzionava senza problemi nelle versioni precedenti, sappiate che il problema non e’ di DLL da spostare qua o la’. Il problema e’ che con le nuove versioni del ramo 7.0.x (e su PHP 7.1.x a partire dalla 7.1.4) e’ richiesta una versione recente della libreria libeay32.dll e sicuramente nel vostro sistema ce ne sono decine di copie anche antiche.

Che fare dunque?
Se usate PHP solo per sviluppare in locale in un ambiente protetto da ogni accesso esterno e poi caricate le vostre pagine su un server gestito da altri, potete installare una versione meno recente della php_curl.dll nella cartella ext di php. Per PHP 7.0.x va bene quella della 7.0.7, per PHP 7.1.x potete usare quella della 7.1.3.

Tuttavia questa non e’ la vera soluzione e non funzionera’ quando arrivera’ PHP 7.2.

La soluzione e’ risolvere le ragioni per cui PHP non riesce a caricare la php_curl.dll: avete copie anteguerra della libeay32.dll in giro per il sistema che vengono trovate prima di quella giusta, magari perche’ le usa qualche programma caricato prima di Apache.

Ecco come risolvere:

  1. fate un backup del vostro disco di sistema con Acronis o altro software che usate.
  2. controllate nella variabile PATH che la cartella di PHP ci sia e sia prima di tutte le altre, in modo che quando viene cercata la dll venga caricata da li.
  3. fate una ricerca di libeay32.dll e guardate la versione di ogni copia che trovate. Se e’ precedente a quella nella cartella di PHP, rimuovetela.

L’operazione al punto 3 potrebbe far smettere di funzionare qualche programma, quindi fate il backup di sistema prima di iniziare! Se non sapete farlo, forse non dovreste fare le cose scritte in questo post e vi conviene installare una distribuzione WAMP preconfigurata come XAMPP.

Io ho fatto pulizia delle vecchie versioni della DLL e adesso l’estensione cURL di PHP 7.1.7 funziona. Devo ancora verificare se i programmi dalle cui cartelle ho rimosso vecchie versioni di libeay32.dll ne risentono o trovano una copia piu’ recente (32 o 64 bit, a seconda del software) fra le altre presenti. Di volta in volta gestiro’ la cosa. Ma ripeto io so cio’ che sto facendo, se avete paura di fare guai, non fate niente.

In ogni caso prima di procedere fate un backup di sistema!

Ovviamente non mi assumo responsabilita’ per eventuali guai che poteste avere anche seguendo tutto alla lettera. In questo post riporto solo la mia esperienza… e il gran sospiro di sollievo quando ho visto il modulo cURL 7.1.7 attivo in phpinfo() ;)

 

Gli anniversari

Strana cosa gli anniversari.
Non sono come i compleanni: tu il primo giorno della tua vita non lo ricordi. Gli altri si’ e lo festeggiano, ma tu che ne sei il protagonista vivi il presente.

Storia diversa gli anniversari. Ancora di piu’ se riguardano eventi in cui erano presenti persone che oggi hanno preso strade diverse. Puoi essere felice della strada fatta, fra piccoli passi e grandi balzi. Puoi festeggiare in grande, ma sentirai comunque un vuoto. E poco puo’ il cervello che vuole razionalizzare perche’ e per come, ma il vuoto c’e’ e lo vedi.

La vita e’ bella e complicata. Ed e’ fatta di palle gialle e blu, come quelle del film Inside out.

Ah, sono sei anni dalla nascita di una cosa che regala emozioni e felicita’. Non si puo’ chiedere nulla di piu’ e si deve solo dire grazie. Grazie alla buona stella che l’ha resa e rende possibile!

La bambina che cercava l’uomo piu’ intelligente del mondo

Credo fosse il 5 maggio, come oggi. Dico credo perche’ i giorni di maggio 2014 sono un po’ confusi.
Comunque credo fosse il 5 e che l’ora fosse piu’ o meno quella in cui sto scrivendo, magari qualche minuto prima.

Ero sul tram di Mestre, di ritorno dall’ospedale dove un medico mi aveva chiaramente esposto tutti i rischi dell’intervento a cui di li’ a 8 giorni sarebbe stata sottoposta mia madre. Fu il duro contatto con la realta’, la presa di coscienza che potevo perderla. Per la prima volta non riuscii a fermare lacrime silenziose sull’H2, l’autobus che allora portava dall’Angelo a Mestre. Poi scesi e salii sulla T1, assorto in mille pensieri e profondamente triste.

Salirono -o c’erano gia’ non lo so- una madre e la sua bambina. Bellissime entrambe, straniere, o almeno la madre capii da come parlava che non fosse italiana. La bambina, se non fosse stato per la pelle nerissima, poteva essere mestrina da dieci generazioni. La bimba parlava e faceva domande cucciole. La sua voce mi colpi’ perche’ era davvero molto somigliante a quella della mia amica Rosy. Mi misi ad ascoltare per distrarmi, come spesso facevo in quei giorni quando in autobus tornavo dall’ospedale.

Come tanti cuccioli che studiano l’inglese cercava di capire il significato del nome “New York”. “New” e’ facile, vuol dire “nuovo”. Nuova York, quindi c’era una vecchia York, ma cosa vuol dire “York” e’ la domanda che si fanno tutti a quell’eta’? “Dovrei trovare l’uomo piu’ intelligente del mondo per saperlo” disse alla sua mamma, la quale le rispose che essere intelligenti non vuol dire sapere tutto. Poi la bimba si mise a parlare di una gita o qualcosa in piscina che avrebbe fatto di li’ a poco con la scuola e per la quale serviva qualche euro. Nel dirlo, io scoprii che andava in quinta elementare.

Se a maggio 2014 andava in quinta elementare, a maggio 2017, adesso, va in terza media e sara’ anche lei alle prese con esami e tesina. Buona fortuna angioletto, tu non lo sai ma in un lontano giorno di maggio hai regalato un attimo di serenita’ a una persona che stava affrontando uno dei momenti piu’ difficili della propria vita. Mi hai donato discorsi normali che mi hanno ricordato la mia vita alla tua eta’, mi hai scaldato il cuore e dato un attimo di pace e di fuga dal momento che stavo vivendo.

Viviamo nella stessa citta’ (forse) e nella stessa zona (forse) ma non ci rincontreremo mai perche’ a causa della mia poca vista vedendoti non ti avrei riconosciuta il giorno dopo, figuriamoci tre anni dopo. E allora ti lancio un “grazie” virtuale da questo blog. Grazie, grazie di cuore e un abbraccio. In bocca al lupo per ogni cosa della tua vita.

PS: questo NON e’ un post triste. Racconta una cosa avvenuta in un momento difficile ma e’ un episodio che mi scalda il cuore tuttora, l’ho scritto serenamente e per conservare e condividere un dolce ricordo.

Whatsapp non è Telegram, occhio!

Avviso ai naviganti: Whatsapp non è Telegram! Se create un gruppo e mandate un link di invito chiunque lo veda avrà il vostro numero. Se fate parte di un gruppo Whatsapp e qualcuno diffonde un link di invito, chi lo apre, anche senza entrare nel gruppo, avrà il vostro numero. Insomma, non una passeggiata in quanto a privacy.

Certo potete revocare il link ma non potete sapere quanti avranno visto i numeri senza entrare. A me non è successo e me ne guardo bene ma l’ho visto accadere.

Lo scrivo qui nella speranza che chi passa e legge, anche per caso, faccia attenzione.

 

A te

Questa lettera e’ per te e tu sai che tu sei tu.
Il cervello mi dice di non scriverla ma seguo il cuore come ho sempre fatto. Non sono cambiato come dici.
E non me ne sono nemmeno andato, ancora come dici, forse per proteggerti dal dolore.

Sono qui, sono sempre stato qui e se mi sono fatto da parte e’ stato solo per lasciarti studiare in pace per l’esame, dopo averti tolto fin troppa concentrazione.

Quello che e’ successo non e’ successo il primo gennaio ma e’ figlio di eventi precedenti che come l’acqua contro una scogliera, goccia dopo goccia, nel tempo, hanno danneggiato qualcosa di solido, e aperto la strada a ogni frainteso, a volte mio verso le tue parole, a volte tuo verso le mie.

Adesso ritrovarci e’ piu’ complesso perche’ siamo entrambi vittime di dolore mascherato da risentimento, ma proprio qualche giorno fa mi sono trovato a immaginarmi piu’ vecchio di vent’anni, trent’anni e a rimpiangere un legame tanto prezioso lasciato finire cosi’. E poi voglio esserci in questo tuo tempo difficile come tu ci sei stata nei miei. Ma non posso sanare da solo il nostro legame, dobbiamo farlo in due. Il passato non si puo’ cambiare, ma il presente e il futuro si’. Io sono qua, oggi, adesso. Ci chiamiamo?

Ciao piccolo Willy

Non ci siamo conosciuti… ed e’ un bene perche’ io non amo la tua razza e la tua razza non ama me.
Pero’ ti conosco lo stesso, per le innumerevoli volte che la nostra amica comune fog mi ha chiamato mentre ti portava al parco per la tua passeggiatina, la cacca, le abbiate agli altri cani, le corse e tutte quelle cose che la facevano impazzire ma la rendevano felice e si sentiva.

Oggi mi ha scritto che e’ l’ultimo giorno della tua vita, perche’ sei malato e le tue condizioni si sono aggravate al punto che l’amore impone di evitarti sofferenza.

Ciao piccolo Willy. Nonostante le idee dei teologi, veri o autoproclamati tali, io sono convinto che ti aspetti un altro mondo dove ritroverai chi come te ha amato la nostra amica comune, per te anche mamma, per me anche figlia. Fate il tifo per lei, ne ha bisogno e lo merita al di la’ di qualunque sciocca discussione terrena fra umani che viene spazzata via da eventi simili.