Misteri di MSN!

Mi scrive una persona che usa MSN.
Il messaggio e’ preceduto da quanto segue.

Il messaggio di posta elettronica e questo collegamento sono diventati inattivi. Per accedere al collegamento, chiudi la finestra e torna al messaggio MSN Hotmail . Successivamente, fai clic sul pulsante Aggiorna del browser oppure chiudi e riapri il messaggio.

Qualcuno puo’ aiutarmi a capire PERCHE’ nella mia email (che leggo via POP3) e’ arrivata ‘sta cosa?! ;-)

La fantasia dei virus writer…

Ricevo la seguente email dall’amministratore del server che… amministro IO ;-)


Date: Wed, 31 Mar 2004 09:05:48 +0100
To: spam@favrin.net
Subject: E-mail account security warning.
From: noreply@favrin.net

Dear user of e-mail server “Favrin.net”,

Your e-mail account will be disabled because of improper
using in next three days, if you are still wishing to use
it, please, resign your account information.

For details see the attached file.

Best wishes,
The Favrin.net team http://www.favrin.net

Non c’e’ che dire, in gamba questi del “Favrin.net team”, vorrei conoscerli! ;-)))

L'”attached file” e’ un .pif che probabilmente fa cose moooolto caddozze ai PC… ;-)

Terrorismo informatico

Questo blog (e con lui tutti i siti web ospitati dal provider USA Dreamhost) sono risultati irraggiungibili durante la giornata di ieri a causa di un massiccio attacco “dDoS” (eccone una descrizione tecnica) verso uno dei router di Dreamhost.

Purtroppo per come e’ strutturata Internet e’ molto difficile resistere ad attacchi terroristici di questa portata, che in passato hanno colpito anche siti come Altavista.

Fortunatamente per colpire in modo tanto pesante reti di capacita’ ampia come Dreamhost e’ necessario usare molte risorse… e piu’ se ne usano, piu’ tracce si lasciano. Tracce che gli organi competenti (e in questi casi in USA interviene anche l’FBI) riescono a rilevare.

Resta da capire perche’ una persona o un gruppo di persone hanno deciso di oscurare gli oltre 45000 siti ospitati da Dreamhost.

Desiderio di oscurare uno o piu’ siti? E per questo ne oscuri 45000?! O e’ semplicemente voglia di apparire?

Mah!

Per il futuro sembra che Dreamhost si stia attrezzando per far fronte in maniera piu’ rapida a queste emergenze, per quanto i modi per evitare completamente simili attacchi sono pochi e quelli per ridurne gli effetti (in tempi rapidi, soprattutto) implicamo investimenti.

Efficienza postale…

Ieri notte ho cercato di consultare il saldo della mia carta postepay dopo aver effettuato il primo acquisto in rete (poi ve ne parlo… ;-). Avendo dimenticato che il servizio e’ disponibile solo dalle 6 alle 23:30 ho ricevuto un messaggio di errore ed ho ben pensato di contattare info@poste.it per capire il perche’.

Molto celermente mi hanno risposto oggi:

“Gentile Cliente,
La invitiamo a consultare la comunicazione presente
nell’allegato.”

L’allegato contiene il seguente messaggio:

“In riferimento alla Sua e-mail del 30/12/2003, Le comunichiamo quanto segue:
I servizi Lista movimenti e Saldo sono disponibili tutti i
giorni (festivi compresi) dalle ore 6:00 alle ore 23:30.”

Cortesi e professionali, peccato che l’allegato in questione sia un file in formato “.doc” con annessa grafica delle poste per un peso complessivo di 400k (effettivi, ma l’email e’ di 530k).

Lasciando da parte le considerazioni su accessibilita’ e scelta di formati aperti, questa gente si rende conto dello spreco di risorse causato da una email simile? Banda necessaria per il transito, spazio su disco (loro, mio e del provider) divorato per nulla, tempo, costi per chi paga a tempo o a traffico…

Assurdo!

Comunque se non altro la carta postepay funziona decisamente bene! ;-)

Dimmi che IP hai e ti diro’ che tempo fa da te…

Occhebbello… trovo su it.news.net-abuse un link alla mappatura geografica della rete FastWeb ;-)

Casomai a qualcuno interessi sapere chi c’e’ dietro agli IP comuni dei gateway NAT degli utenti di Fastweb…

Perche’ dovrebbe interessare? Beh, a fini statistici per esempio, oppure per spaventare qualcuno che si sente troppo sicuro dietro Fastweb e crede d’essere totalmente anonimo.

Avete presente una cosa tipo questa, successa davvero, sei anni fa, con un utente di un noto provider nazionale (non FW, non c’era…):

lui: ;-))) su internet c’e’ l’anonimato quindi io ti rompo e tu non puoi farmi niente!
io: ok prova…
[dopo un po’…]
io: allora?
lui: ma ke hai una T3 (linea moooooolto veloce, NdGF)?
io: no, ho un firewall…
io: …che fa da packet filter/monitor e che ha loggato per bene i pacchetti provenienti dal tuo IP… continua, poi mi diverto io ;-)
lui: aoh’ non rompere non sai neanke in ke citta’ sto! ;-)))))))))))
io: ticcheti-ti’… che tempo fa a Cesena?
[xxx ha lasciato la stanza]

Adesso siamo da capo: la gente connessa dai provider dotati di IP pubblici ha piu’ o meno capito di essere rintracciabile. Alcuni connessi a FW credono di no e si divertono un po’ troppo, come mi riferisce l’admin di un noto chat provider italiano.

Che FW possa identificarli e’ palese, ma l’effetto psicologico che fa essere rintracciati (se non altro a livello di localita’) da un comune cittadino puo’ essere altrettanto educativo… ;-)

ADSL dreams

Questa mattina ho acceso il modem ADSL e il computer, ho provato ad andare online e… puff, tutto funzionava di nuovo.

Dovevo capirlo ieri, invece di pensare ai casi piu’ sfortunati: una o due volte l’anno succede qualcosa, dura al piu’ un giorno e poi torna tutto a posto. Se e’ stato cosi’ finora perche’ questa volta doveva andare diversamente?

Comunque ho avuto l’opportunita’ di fare uno “stacco”, non tanto di connessione (ieri dovevo finire una serie di cose e sono entrato via dialup) quanto di… testa. Ho colto l’occasione per riflettere su alcune cose, pensare a quanto ho e a come posso usarlo meglio di quanto faccio spesso e ad una serie di altre cose che hanno a che fare con dove si e’, da dove si viene e dove si vuolre andare… il tutto anche complice un discorso un po’ “rozzo” ma sicuramente sincero e dettato da buone intenzioni che mi ha fatto il mio amico cobra89 due sere fa. L’ho azzannato, ma anche se azzanno, ascolto il succo di cio’ che mi viene detto e cerco di rifletterci e trarne sempre qualcosa.

Conclusione? Sto bene cosi’, ma devo impormi piu’ autodisciplina per non scialakuare tutto cio’ che ho e che posso fare ogni giorno.

Ma torniamo all’ADSL. Mi piacerebbe davvero sapere cosa e’ successo. Forse un problema in centrale a Mestre? La portante c’era ma il server non rispondeva e visto che l’assistenza Infostrada non era a conoscenza di problemi regionali probabilmente era qualcosa in zona, proprio come e’ successo il 5/9 a uno di Mogliano con Tiscali (trovato su Google Groups). Avete qualche idea? C’e’ qualche tecnico telefonico che conosce ADSL e puo’ raccontarmi come vanno queste cose e chi interviene?

Per concludere un plauso all’assistenza tecnica Infostrada. La prima operatrice con cui ho parlato si e’ prodigata per aiutarmi, arrivando perfino a propormi di riconfigurare la connessione in PPTP e uscire in PPPOA, un utilizzo del modem Alcatel Speed Touch Home che non conoscono proprio tutti (a dire il vero non l’avevo mai provato neppure io che pure mi dichiaro “smanettone”!).

Come in tutte le cose, poi, c’e’ sempre l’operatore in gamba e quello meno bravo. Con la prima operatrice ero rimasto daccordo che se il problema non fosse rientrato in due o tre ore avrei richiamato per far aprire un guasto. Ecco il dialogo della seconda telefonata… ;-)

Operatrice: la mia collega ha fatto fare una riconfigurazione di rete ma ci vorranno 24 ore per saperne l’esito

Io: la sua collega mi ha detto di richiamare dopo qualche ora per far aprire il guasto, se le cose non si fossero risolte.

Operatrice: ma non e’ possibile per 24 ore.

Io: OK, ma in cosa consiste questa riconfigurazione di rete?

Operatrice: la riconfigurano sulla rete.

Esauriente! ;-)
Mi terro’ il dubbio su questa mistica operazione!

Ora invio e stacco che devo riportare il filtro ADSL nella camera di mia madre ;-)

ADSL nightmares

Signori,
oggi verso 14:50 la mia connessione Infostrada ADSL Premium e’ defunta: il flusso dati e’ venuto meno e da allora il server non risponde piu’. La portante c’e’, e’ il server che non c’e’ (errore 650, per i Windowsiani)…

L’assistenza ADSL mi ha fatto fare le solite verifiche, hanno chiesto una “riconfigurazione del profilo sulla rete” ma per l’apertura di un guasto si dovranno aspettare almeno 24 ore.

Confido nell’efficienza a cui la Telecom di Venezia mi ha abituato (il DSLAM e’ nella loro centrale, quindi a volte i problemi nascon li, gia’ successo…).

Va beh, guardando i lati positivi:

1) In tre anni ho avuto solo rarissimi guasti seri e sono durati poco.

2) Ho sempre le urbane gratuite ;p

3) Ho sempre il vecchio modem, anche se ora son connesso solo a 21.6 (!).

Comunque…
vi terro’ aggiornati ;-)

841 messaggi di FUFFA!

E’ quanto ho trovato nella vecchia email favrin@tin.it.

Bene, ho deciso due cose:
1) di non leggerla piu’, quindi non scrivete li perche’ e’ come se
non ci fosse.

2) di usare vital natural durante x-no-archive: quella mail e’ la DIMOSTRAZIONE che se si scrive in certi posti senza quell’header si riceve spam.
E a quelli che passano il loro tempo a flammare e a dare saccenti consigli su come “LORO” sanno evitare lo spam… beh a loro auguro una lunga permanenza nelle liste degli spammer. O sulla tazza ;-)

PS: e’ un post inacidito… perche’ penso ai toni di tanti saccenti
ma anxhe a Tin, tanto veloce ad attivare nuovi account con due click
quanto pronta a ricjhiedere raccomandate per la loro eliminazione.
Non lo volete eliminare? OK. Allora lascio che si riempia, peggio per voi.

PS2: sto pensando di creare una pagina con la lista delle aziende
italiane che mi mandano spam. Che dite, lo faccio? Magari
cosi’ capiscono che lo spam non porta cosi’ tanti
benefici ;-)

News aggregator…

Entro nel meraviglioso (pare…) mondo dei News Aggregator. Purtroppo non posso farlo col mio fido Amiga perche’ nessuno ha creato un software simile. Sono tutti troppo presi a sognare improbabili rientri alla grande e a ribadire che con l’uscita di OS4 e A1 la piattaforma avra’ nuova vita. Sara’, intanto l’innovazione tecnologica, anche sul web, avviene… altrove.

Volete sapere cos’e’ un news aggregator e a cosa serve?
leggete qui!