...e si può dividersi e non sparire...
se è così riabbracciami quando vuoi!

Domani, Pooh 2004

30/09/2010

Deep blue

E cosi’ sei arrivato fin giu’. Hai capito la causa prima delle tue angosce, paure, di quell’irrazionalita’ che talvolta nei rapporti con gli altri ti prende e ti divora fino a farti guardare allo specchio e chiederti se ti riconosci ancora.
Bene, e adesso?
E adesso che per scoprirlo sei sceso fino alle tue radici e nella discesa hai fatto cadere una delle persone a cui piu’ tenevi?
Adesso non hai la cura ma sai la causa. Bastera’ saperlo per guarire? O serve autodisciplina mentale? Non puoi neanche scappare. Da chi? Da te stesso? Non serve. Il dolore ti seguirebbe. Devi solo imparare a dominarlo. A capire che e’ solo un fantasma di ieri. E che se non lo domini non perderai solo chi e’ importante per te oggi ma anche te stesso e la persona che vuoi essere e da cui talvolta ti discosti cosi’ tanto da non piacerti piu’.
Lo dico sempre agli altri. I dolori del passato vanno affrontati non lasciati crescere dentro di noi. Adesso devo farlo io. Forse non e’ troppo tardi. Forse davvero questo e’ un anno di svolta.

26/09/2010

Digitale Tanto Tontolone

Sono entrato nel meraviglioso e un po’ folle mondo del DTT.
E domani scrivero’ quante cose si imparano.
A partire dal fatto che qua rai1/2/3/4/news nun se vedono.
Pero’ ci sono Rai Gulp, Rai Edu, Rai Storia. ;-)

It did it

Vi e’ mai successo di vedere un telefilm tanto coinvolgente da farvi piangere di emozione dall’inizio alla fine e farvi sciogliere sul finale?
Flashpoint fin qui m’ha fatto emozionare a ogni puntata e talvolta anche versare una lacrimuccia, ma l’episodio che ho visto piu’ recentemente mi ha messo K.O. come nulla mai. Stupendo. Ed e’ finito bene…

24/09/2010

Dove comincia il sole

Rieccoci.
Rieccoci a un settembre come quelli di tanti anni fa e un cuore piu’ leggero.
Allora accendevi la radio e aspettavi, oggi basta aspettare e cio’ che vuoi “cola” da YouTube, da sentire e risentire…

Sono tornati i Pooh e sono tornato io. Loro hanno affrontato la bufera, che non e’ l’uscita del batterista dalla formazione ma cio’ che negli ultimi anni aveva gettato le basi per tale distacco. Io pure l’ho affrontata. Anni difficili culminati in un’estate che e’ stata tutta proiettata nell’attesa di una vacanza tanto cercata quanto temuta, perche’ partire porta a distacchi pur temporanei e in me il pensiero del distacco evoca angosce infantili legate al mio vissuto medico.

Quell’eterna primavera ti voglio dare, dove il pane sa di pane e nessuno muore. Tutto questo c’e’ se ci crederai. E’ tempo di volare…

Sono partito con un treno regionale e in poche ore il mio paesaggio e’ cambiato. Alte montagne verdi hanno riempito i miei occhi. Inquietanti e dominanti al primo sguardo di cittadino di pianura stressato dalla vita e che negli ultimi mesi si era fatto svuotare e mangiare e di colpo iniziava a rallentare la sua corsa.
Mi ha accompagnato un portatile nuovo di zecca adatto alle mie attuali esigenze e mi aspettava una bella RJ45 in camera, anche se la Rete era ballerina e non favoriva l’uso delle chat. Il tram tram mi e’ mancato. Gli amici anche, ma gli occhi si sono riempiti di colori, la pelle di acqua magica, i polmoni di aria pulita e le scarpe di sassolini in quei sentieri scoperti forse troppo tardi.
Ho portato Terra di Smeraldo e ho ricominciato a leggerlo, ritrovando quel mondo e quelle regole di vita da cui era derivato il mio equilibrio a inizio millennio.

E’ la che io voglio andare. E’ la che ti portero’. Dove comincia il sole e nasce la liberta’!

Solo ora, solo tornando, solo confrontandomi, leggendo e rileggendomi capisco quanto il mio cuore si era inaridito, si era fatto mangiare dalle paure e angosce che inutilmente tentavo di nascondere. Quest’anno mi ha portato via qualcosa e dato tanto. Ma avere tanto significa anche rischiare di perdere tanto e questa paura devo imparare a dominarla, tornando a godermi questo tanto a ringraziare per cio’ che ho, non solo con le parole ma con i fatti, ritrovando la persona che ero e che voglio tornare a essere. Ad ascoltare, senza tremare o cercare continue conferme che tutto c’e’. Tutto c’e’ ma perde senso se rileggendo le giornate non mi riconosco.

E’ tempo di volare: qui niente cambia mai, non c’e’ piu’ bisogno di noi…

Da nove anni divido il mio cammino con alcune persone con cui condivido l’ideale di creare un mondo online sicuro per tutti. Domani sono proprio nove anni. Nove anni che mi hanno reso la vita piu’ bella ma ora mi chiedo se voglio continuare a camminare o se voglio volare con le mie ali. Se voglio prendere cio’ che ho fatto e dargli un senso. Non una cosa provvisoria come alcuni vorrebbero ma una cosa nuova, mia, fatta col cuore per gli utenti e senza compromessi.
Devo volare. Stavo appassendo nella routine. Aggiorna qui, aggiorna li, ingoia la’. Senza rinnegare il passato anzi continuando un cammino intrapreso insieme, forse e’ davvero tempo che anch’io apra le ali e voli. Ne hanno avuto il coraggio i miei idoli che superate le facili visioni commerciali degli ultimi anni hanno spiccato il volo verso melodie piu’ intense, difficili non da amare ma da comporre e suonare. Vedo i nuovi Pooh come Stargate Universe: lo stesso soggetto, una nuova visione, piu’ fresca, libera da condizionamenti. Mi affascina l’idea. Ci sto pensando. Mi servono stimoli nuovi per tornare a vivere in pieno. Forse una svolta e’ vicina. Martedi’ un incontro potrebbe determinarla (dalle persone con cui cammino ho imparato che e’ meglio volare in gruppo che da soli).

Strinse gli arti il vecchio ed indico’ ad Oriente, era un mendicante o magari Dio…

Cosa c’e’ laggiu’? Cosa c’e’ davanti a me? Da quanto non ascolto quanti lassu’ hanno a cuore proprio me e in ogni modo cercano di mandarmi messaggi?
Voglio tornare a colorare la mia vita come la sinestesia colora ogni suono e ogni parola che sento. Voglio usare i doni che ho al meglio. Esserci per gli amici e le persone care. Voglio tornare a volare per meritare e saper apprezzare, un domani, la Terra di Smeraldo.

E’ la che io voglio andare. E’ la che ti portero’. Dove comincia il sole e nasce la liberta’!

03/09/2010

Dobbiamo salvare Sakineh Mohammadi-Ashtiani!

Firmate anche voi per salvare la vita a Sakineh Mohammadi-Ashtiani che rischia di essere vittina della prepotenza maschilista che usa a pretesto e sproposito Dio!