La legge Gasparri torna alle Camere. E adesso?

E adesso che Ciampi ha dato il contentino all’opposizione (che invece di battersi per temi seri e combattere certe riforme veramente pericolose s’e’ impuntata a mandare Rete4 sul satellite e togliere la pubblicita’ da raitre) quanto dovro’ aspettare per avere un po’ di canali TV extra gratuiti?

Di sicuro sara’ contento il proprietario di Sky, e noi consumatori che non vogliamo (o non possiamo) installare una parabola, ci perdiamo. Ma vuoi mettere? Per due mesi (spero meno) ci si illudera’ che la legge venga cambiata. Per niente, sara’ riproposta com’e’ e Ciampi dovra’ firmarla.

E no, non mi sono fatto convincere dalla pubblicita’ del “Box interattivo”. La questione “TV terrestre digitale” e’ un po’ piu’ concreta, visto e considerato che Nokia (che non e’ una succuresale di Mediaset) ha in catalogo ed in vendita diversi ricevitori, come si puo’ leggere da questa mini recensione.

A proposito… ma il monopolio totale nel settore TV satellitare Ciampi e l’opposizione l’hanno visto? Oppure hanno fatto finta di niente perche’ se non nasceva Sky crollava il sistema calcistico italiano (no Pay TV = no soldi alle squadre = no partite – disordine sociale). Allora?

Suvvia, siamo seri…
in Italia da decenni c’e’ un duopolio sull’analogico terrestre (e soprattutto sulla spartizione del mercato pubblicitario ad esso legato). Aumentando i canali aumentano le possibili forze in campo. Non c’e’ altra strada, a meno di non distruggere RAI e MediAset. Solo che noi telespettatori non ci guadagneremmo ad avere sei soggetti deboli invece che due forti.

2 commenti su “La legge Gasparri torna alle Camere. E adesso?”

  1. Quande volte mi è venuto da sorridere quando in telefilm di produzione USA degli anni 80/90, si vedeva la scritta "in DolbySurround were available".

    E noi, alle soglie del 2004, ancora a sorbirci trasmissioni in Mono, combattere con l’antennista del condominio per fare sistemare l’amplificatore di segnale, etc, etc.

    Un chissinefrega se Rete4 è in analogico o in digitale; è giusto che anche la "televisione" segua l’evolversi dei dispositivi su cui si appoggia.
    Quindi viva il DigitaleTerrestre.

    Segnalo in fine che anche per me (come per Gabriele), in tutto questo discorso, lo spot Mediaset non ha avuto alcuna influenza.

    PS:
    Anche Philips ha prodotti validi per il DTT (vedi anche http://www.satexpo.it/news-new.php/8?c=7108).

I commenti sono chiusi.