19/03/2007

Pensierino della notte

Se andassi ancora alle elementari forse scriverei un pensierino come questo…

L’altro ieri ho letto sul libro di lettura che milioni di persone muoiono di fame.

Ieri ho letto sul sussidiario che da quando l’Italia e’ nell’unione europea i proprietari di mucche possono vendere solo una parte del latte che mungono e il resto lo devono buttare via altrimenti vengono multati.

Oggi ho letto che l’unione europea sta preparando una nuova legge (direttiva, NdGF) che rendera’ qualsiasi azione contro il diritto di autore punibile come si fa con quelle fatte della criminalita’ organizzata.

Se mettero’ il disco di “tanti auguri a te” alla festa di compleanno saro’ come gli uomini cattivi contro cui canta quello che ha vinto Sanremo giovani?

Cara maestra tu sai tante cose: mi spieghi perche’ piu’ importanti sono i grandi meno si preoccupano dei piccoli?

Sapete cosa sogno? Che i bimbi di oggi conoscano queste cose, che venga loro spiegata l’assurdita’ di un mondo asservito al potere. Il potere delle banche, dei produttori… tutti oggi contano piu’ di un bimbo che muore di fame!

Se mi leggono insegnanti, catechisti, gestori di oratori… parlate ai bambini e ai ragazzi, a chi fra 10, 5 o 3 anni votera’, spiegate loro le grandi ingiustizie del mondo di cui si sono resi artefici tanti politici, spiegate loro che l’Unione Europea dell’inno, della grande patria europea e blah blah fa buttare via tonnellate di cibo che potrebbero andare ai paesi poveri dove ogni minuto muore un bambino!

Spiegate loro che ci sono politici che credono che Dio si arrabbi se due convivono invece di sposarsi e che preferiscono parlare tutto il giorno di questo invece che delle leggi europee che strozzano il cittadino e fanno distruggere il cibo! Ci rendiamo conto? Assimilano chi scarica una canzone o scrive un testo ad un amico a un pericoloso criminale e intanto distruggono il cibo!

Inserisci un commento

Commento

In questo blog non sono graditi commenti anonimi, provocatori oppure offensivi. Esiste la libertà di opinione e critica alle tesi espresse ma la si esercita firmandosi (va bene anche un nick) e con educazione.