11/02/2007

Bug software a 10.000 metri

Il titolo potrebbe essere quello di un film catastrofico di serie B (quelli che d’estate ci presentano come eclatanti prime TV), invece il
post che propongo, e che ho trovato su Digg, parla di come lo spirito “hacker” porti l’uomo attento a sperimentare, non limitarsi a premere pulsanti e giocare su un micromonitor.

Non e’ morto nessuno, il crash in questione riguardava il sistema di intrattenimento dei passeggeri (in USA han le cose che io leggevo su Topolino negli anni ’70) ma mi stupisco che non abbiano arrestato il tizio incolpandolo di chissa’ quali reati ;)

Inserisci un commento

Commento

In questo blog non sono graditi commenti anonimi, provocatori oppure offensivi. Esiste la libertà di opinione e critica alle tesi espresse ma la si esercita firmandosi (va bene anche un nick) e con educazione.