22/09/2005

D’Alema e Ruini

Generalmente non sopporto l’ironia di D’Alema (che oltre a ironizzare potrebbe e dovrebbe far proposte concrete) ma oggi voglio citare due sue frasi che mi hanno fatto esclamare: “amo quedt’uomo!”

1) “le pronunce sull’eventuale incostituzionalita’ dei Pacs spettano alla Corte Costituzionale non certo alla Cei”.

2) “Forse il fatto che l’Italia sia l’ultima nell’Ue sugli aiuti alla cooperazione meriterebbe dalla Chiesa almeno lo stesso interesse che il presidente della Cei riserva al tema delle intercettazioni telefoniche”.

E intanto il Vaticano si appresta a varare una legge che vieta di ordinsre sacerdoti omosessuali.

Ehy, scusate… ma secondo voi a Gesu’ queste DISCRIMINAZIONI vanno bene?

Io sono seriamente preoccupato: con questo atteggiamento di chiusura, repressione e severita’ morale verso tutto cio’ che esula dalle loro idee, allontaneranno sempre di piu’ le persone… e siccome l’uomo HA BISOGNO di Dio, ha BISOGNO di una fede, ha BISOGNO di una comunita’ di sostegno, tanta gente finira’ (e gia’ finisce) in mano a ciarlatani, sette, ecc…

Inserisci un commento

Commento

In questo blog non sono graditi commenti anonimi, provocatori oppure offensivi. Esiste la libertà di opinione e critica alle tesi espresse ma la si esercita firmandosi (va bene anche un nick) e con educazione.