06/02/2012

L’Italia del “ma si’ dai…”

Ma si’ dai, facciamo il sito poi penseremo a cosa scrivere;
ma si’ dai, mettiamo WordPress (o Joomla o…) che cosi’ se lo aggiornano loro;
ma si’ dai, apriamo la pagina su Facebook;
ma si’ dai, anche se le foto sono poco professionali mettiamole che sono contenti;
ma si’ dai, anche se la pagina e’ piena di errori pubblichiamola nessuno se ne accorge;
ma si’ dai, in pochi fanno lo zoom solo del testo;
ma si’ dai…

E cosi’ vedi siti che usano tantissime risorse (migliaia di righe di codice PHP, database, ecc) per ospitare 4 pagine aggiornate una volta al mese se va bene (o all’anno, se va male). Vedi pagine Facebook (in calando, la nuova moda e’ Twitter) con qualche contenuto e nessuno che risponde agli utenti. Vedi pure siti con decine di stock image che poi vai sul posto e trovi un negozio normalissimo oppure siti con foto francamente improponibili che ti passa la voglia di andare e se invece vai scopri il buono oltre la facciata.

Mi hanno insegnato che e’ giusto cosi’, che questo e’ il mondo dei professionisti e confesso che a volte sono tentato anch’io dal “ma si’, dai…”. Solo che da qualche tempo ho iniziato a chiedermi se avviene cosi’ anche all’estero o quello del “ma si’, dai…” e’ un vizio tutto italiano.
Esiste una terra promessa dove chi lavora non dice quasi mai “ma si’, dai…”?

Comunque attenti a non dirlo proprio mai, che in Italia ci perdete. Pero’ ogni tanto e’ bello non dirlo. Fa sentire ancora giovani e idealisti.

Inserisci un commento

Commento

In questo blog non sono graditi commenti anonimi, provocatori oppure offensivi. Esiste la libertà di opinione e critica alle tesi espresse ma la si esercita firmandosi (va bene anche un nick) e con educazione.