...e si può dividersi e non sparire...
se è così riabbracciami quando vuoi!

Domani, Pooh 2004

28/01/2015

Di Bibbia discutano solo gli esperti?

Nel post precedente ho espresso alcuni miei pensieri e riflessioni sulla Bibbia e sul fatto che quanto ivi riportato possa avere o meno valore assoluto o non sia relativo, gia’ anche solo a noi animali umani, alla nostra fisiologia, alla societa’ in cui i testi sono stati scritti, ecc. Non voleva essere catechesi ma solo riflessioni personali che chi passa puo’ condividere o meno. Si trattava anche di una risposta piu’ estesa dei 140 caratteri di un tweet a un interlocutore con cui avevo avuto poco prima uno scambio di opinioni.

Non l’avessi mai fatto!
Invece di ricevere un commento nel merito (foss’anche “non sono d’accordo” o “stai dicendo cavolate”) mi sono sentito dire tutta una serie di cose dall’interlocutore.
– E’ ingenuo parlare della Scrittura senza avere competenze in materia.
– Per discutere sulla Bibbia bisogna non solo averla letta ma avere fatto opportuni studi. Cito: “ogni singola parola, ebraica o greca,va soppesata e compresa pienamente. bisogna conoscere grammatica e sintassi di entrambe”.
Esprimere commenti senza aver fatto cio’ non e’ serio e al mio interlocutore non piace discutere in altro modo la Parola di Dio.

E questo e’ il punto: il mio interlocutore e’ convinto (ha dato prova di esserlo) di ogni parola della Bibbia, mentre io non lo sono, non metto in discussione un singola pericope (usiamo i termini tecnici) ma che il testo intero possa avere valore assoluto e non, almeno in parte, relativo. A questo punto analizzare le singole parti non ha senso.
E mi chiamo fuori dal significato di “bene”, “male”, “peccato” della Bibbia. Nel mio post non ho messo in discussione quelli, ho detto come vedo IO le cose. Potro’ avere una mia opinione?

Pecco di poca umilta’ a voler riflettere su questi temi e costruirmi le mie idee senza poter soppesare parole e frasi ebraiche e greche?

Forse, ma fin qui tutte le persone di Chiesa con cui parlo spesso, anche se non d’accordo con me, non hanno mai criticato il fatto che una persona che non ha alle spalle studi biblici approfonditi rifletta e si costruisca idee.

Sinceramente non mi piace questo ragionamento, perche’ sembra implicare che all’uomo comune non sia dato discutere della Parola ma solo adeguarvisi. Del resto il discorso con l’interlocutore era nato dall’opportunita’ di “temere la Parola di Dio”!

Beh, questo approccio di timore e ubbidienza a testi che non si possono discutere non e’ per me, contrasta con l’idea di un Dio dell’Amore. Mi ricorda piu’ un approccio antico alla religione che magari portava ad avere piu’ fedeli ma per paura, non per voglia di amare.

Scrivero’ altri post. Sono tutte idee personali di un uomo in ricerca di un senso alle cose. Lo cerco in Chiesa, lo cerco in me, lo cerco in libri, lo cerco ragionando con la mia mente pur limitata.
Umilta’ e’ non pensare di avere per forza ragione. Vedo solo uno spicchio del creato, come potrei averla?
Pero’ per me certe cose non hanno senso o non possono essere assolute.
Solo l’amore, il mettere l’altro davanti a noi, ha davvero pienamente senso.

27/01/2015

La Bibbia e’ verita’ eterna inconfutabile?

Riprendo qui un discorso iniziato su Twitter ma che e’ difficile confinare in 140 caratteri. Questi sono miei pensieri, non vogliono essere verita’ assolute.

L’interlocutore, decisamente cattolico, mi dice che dovrei temere la Parola di Dio e che esiste la possibilita’ che non ascoltandola ci si danni.
Premesso che non condivido e non credo in questo approccio di timore e paura che porta ad ubbidire, conformarsi, non per libera scelta ma per timore, io mi pongo un altro interrogativo che certo ad alcuni suonera’ eretico: ma possiamo davvero considerare la Bibbia verita’ immutabile e universale?
Premetto che sono un credente, forse non molto praticante ma credo tranquillamente in Gesu’ e in Dio-Gesu’-Spirito Santo.

Negli anni la Chiesa stessa ha cambiato varie posizioni. Dapprima tutto era letterale, compresi Adamo ed Eva, la Genesi tutta, ecc. Poi si e’ passati alla metafora, anche perche’ se no era difficile condannare l’incesto visto che comunque i figli di Adamo ed Eva in qualche modo avrebbero dovuto comunque riprodursi e ora lo studio della genetica ci dice che l’umanita’ non puo’ derivare da quella famiglia.

Inoltre la Bibbia e i libri del Vangelo sono composti da testi per anni tramandati verbalmente, da persone che vivevano in un contesto sociale/evolutivo/culturale profondamente diverso dal nostro.
Possiamo davvero prendere tutto alla lettera e ritenerlo immutabile?
Io non credo, anche perche’ molte cose sono troppo legate alla nostra civilta’ umana. Eppure non siamo gli unici nell’universo, no?
Ma se anche nel nostro stesso pianeta fra altri viventi, ad esempio, la famiglia e la riproduzione hanno dinamiche diverse, come possiamo pensare che la Bibbia sia universale e immutabile?
Se domani atterra un disco volante verde grosso cosi’ e scendono due alieni asessuati o dello stesso sesso, li riccacciamo indietro brandendo una croce e urlando “Siete contro Natura!”?!?!

Altro esempio, su cui fra l’altro prima o poi scrivero’ un racconto. Poniamo che domani si scopra che un grosso asteroide colpira’ la terra in 10 anni e non c’e’ modo di deviarlo. Magari la gente deciderebbe di non fare piu’ figli per non dar loro una vita breve e una morte atroce. Sarebbe un “peccato”? Andrebbe contro l’immutabile parola di Dio?

Certo, questo post e’ intriso di relativismo, perche’ io sono un relativista e chiunque abbia buon senso penso lo sia. Nulla puo’ essere assoluto per me, se non una cosa: IL BENE e IL MALE. Vivere per fare e dare del bene. Questo per me e’ IL comandamento (che non sempre so rispettare e me ne dolgo). Il resto non puo’ che essere relativo. Agli animali umani, alla nostra societa’, alla nostra fisiologia, ecc…

Quando scrivo che una famiglia composta da due uomini non e’ sbagliata non ho nessuna paura di Dio o della dannazione, perche’ non posso sapere in quante parti del Creato cio’ e’ normale anzi magari e’ anche indispensabile. Cosi’ come non puo’ saperlo la Bibbia, scritta da umani che hanno interpretato in base alle conoscenze del tempo messaggi dei Profeti.

Dimostrazione: nessuno oggi caccerebbe dalla citta’ una donna col ciclo, eppure il Levitico prescrive proprio questo. Perche’? Perche’ al tempo, mancando la scienza, servivano regole per gestire situazioni incomprensibili. Quindi la donna che perdeva sangue diventava impura perche’ magari qualcuno con quel sangue si infettava. La coppia omosessuale era un abominio perche’ era facile che si ammalassero e via di altre prescrizioni fra cui divieti sul cibo.
Con questo non dico che tutta la Bibbia non abbia senso o vada “contestualizzata”, ma che non si possa nemmeno parlare di Parola immutabile nel tempo.
E men che meno ventilare il rischio di dannazione se non si segue alla lettera l’interpretazione della Bibbia fatta da chi di volta in volta si ritiene depositario della Verita’, ivi compresi fior di teologi.

Se Dio e’ amore io credo in cio’ che e’ bene per il prossimo.
Anche nella Bibbia, ma ragionandoci su.

24/01/2015

Mai piu’

Sta arrivando il 27 gennaio e come ogni anno si “celebra” la giornata della memoria delle vittime del nazismo. Giusto, bisogna ricordare per non ricaderci, peccato che non vada esattamente cosi’ e, per me, sia una manifestazione un po’ ipocrita e lo dico pero’ con profondo rispetto di chi la fa e la vive.

Ricordiamo lo sterminio, i lager, gli orrori subiti dagli ebrei e altre minoranze.
Giusto, ripeto. Ma dopo quel tempo e’ giunta la pace? Dopo quel tempo sono cadute le discriminazioni?

Nessuno oggi si sente SUPERIORE ad altri?
Nessuno DISCRIMINA gli altri?
Nessuno IMPONE le proprie idee?

E non avvengono piu’ orrori?
Non ci sono guerre?
Non ci sono sterminati campi profughi?
Non ci sono ESERCITI SCELLERATI che bombardano i civili e massacrano i bambini?
Non ci sono persone discriminate o magari uccise per i propri orientamenti sessuali?
Non ci sono piu’ distinguo fra uomo e donna e hanno ovunque gli stessi diritti?
Non ci sono leggi che portano frustate o la morte a chi dissente dal potere?
Non ci sono esaltati che in nome delle proprie convinzioni discriminano, fanno soffrire o magari uccidono?

No, adesso viviamo tutti in pace e possiamo dedicare un giorno a RICORDARE gli orrori del passato, senza pensare agli orrori del PRESENTE.

Io non ci sto. Sono vicino nella preghiera a tutte le vittime dei crimini nazisti ma io il 27 gennaio ricordero’ ANCHE, per esempio, le vittime civili palestinesi e ANCHE tutte le vittime nigeriane, in particolare quelle due creaturine che quelle merde di boko haram hanno usato come bombe viventi.

Troppo facile dire “mai piu'” davanti a immagini in bianco e nero di orrori di 70 anni fa. Piu’ difficile ma secondo me molto piu’ importante dire MAI PIU’ agli orrori odierni, siano perpetrati con la violenza fisica o con quella verbale.

08/01/2015

La mia nipotina musulmana

Yasmin, che tutti chiamiamo Yuyu, e’ la figlia di una mia grandissima amica che alcuni anni fa e’ andata a vivere in Egitto con l’uomo di cui si e’ innamorata.
Io e Yuyu, che adesso ha quasi 5 anni, va a scuola e impara inglese e arabo, non ci siamo ancora incontrati ma la sua mamma le parla sempre di me ed e’ cresciuta affezionandosi a “zio Gabry” e mandandomi sempre tramite whatsapp salutini ecc che io ricambio con mille immagini degli animali che tanto adora e imita bene.
Adesso Yuyu come ogni Natale e’ in Italia con la sua mamma e passa molto tempo con i suoi cuginetti che hanno grosso modo la sua stessa eta’.
Ieri, prima dei fatti drammatici di Parigi, la sua mamma mi ha inviato un video che regala una speranza per un mondo che gli uomini di domani, i bambini di oggi, possano rendere diverso. Ci sono Yuyu e i suoi cuginetti seduti attorno a un tavolo e lei che spiega a loro con semplicita’. Cito testualmente:
“io sono musulmana, mio padre e’ musulmano e mia madre e’ cattolica”. I cuginetti l’ascoltano tranquilli e curiosi ed ecco realizzato un mondo in cui ognuno puo’ essere di una religione senza che nessuno si scandalizzi. Del resto, se vissute e comprese bene, tutte le religioni sono finalizzate al bene e vanno messe sullo stesso piano. Se a qualcuno questa frase da’ fastidio, sappia che non me ne importa niente, lo penso e continuero’ a dirlo credo di dare una gioia a dio, con qualsiasi nome lo si voglia chiamare ;)

Yuyu e’ musulmana e non e’ certo una terrorista. E’, in questo mondo di fanatici, una speranza per un futuro piu’ radioso.

Date il mondo ai bambini, sono molto piu’ intelligenti dei grandi.
Per loro non c’e’ niente di strano o di sbagliato che uno sia cattolico e un altro musulmano. Per noi si’. Ecco il problema.

PS edit del 2016: adesso Yasmin, che ha 6 anni e mezzo e fa la prima elementare, sta insegnando l’arabo ai suoi amichetti italiani, sul sito per bimbi di cui sono fra i curatori e che lei frequenta :)