...e si può dividersi e non sparire...
se è così riabbracciami quando vuoi!

Domani, Pooh 2004

10/11/2014

Entrare e uscire dall’ospedale dell’Angelo

Ci sono tre modi per entrare all’ospedale dell’Angelo e tre per uscirne.

Se sei fortunato entri dall’ingresso principale: affronti le scale, le scale mobili o l’ascensore, passi per un “ponte” coperto che non sembra un ponte e arrivi a un giardino che sembra il primo piano ma in realta’ e’ il terzo e sotto i tuoi piedi, che cammini, mangi, compri in un negozio, preghi o prenoti una visita, ci sono ambulatori e sale operatorie. Come sei entrato puoi uscirne se tutto va bene.

Se qualcosa e’ andato storto arrivi con un taxi o un’ambulanza al Pronto Soccorso entrando alla destra dell’edificio centrale. Dalla tua prospettiva non te ne accorgi ma stai andando “sottoterra” rispetto al resto della struttura. Da qui puoi uscire come sei venuto o puoi passare in un reparto attraverso una serie labirintica di ascensori e corridoi.

Infine c’e’ il terzo ingresso che e’ per quando le cose sono andate male. Da qui si puo’ solo uscire, in un’auto lunga e bassa. Insomma, e’ la camera mortuaria. Affaccia sul lato sinistro dell’Angelo e la struttura riprende quella del piazzale d’ingresso con una piazza rotonda ove trovano parcheggio le auto. Non invidio proprio le case che si trovano nelle vicinanze. Da questo luogo l’Angelo sembra distante, eppure e’ vicino ed e’ fisicamente collegato da passaggi labirintici che la tua mente cerca d’immaginare quando sai che un tuo caro li ha attraversati (e un giorno chiedero’ a un’amica che lavora all’Angelo che razza di giro fanno, perche’ non dev’essere proprio corto!)

Ecco, fra il primo aprile e il 21 maggio qui li si e’ fatti tutti.
Questo non e’ un post triste, sono pensieri sulle strutture in cui si svolgono momenti forti delle nostre vite. Questo lo volevo scrivere da un po’ ma dovevo aspettare che mi tornasse l’ispirazione di postare.

Ed eccolo per voi visto dall’alto, questo luogo che inganna le percezioni.
In basso a sinistra c’e’ l’ingresso/uscita per quando e’ proprio finita (rima non cercata). In mezzo sulla destra l’ingresso normale e in alto sulla destra l’ingresso al pronto soccorso. Notate la somiglianza dei vari punti di accesso. E’ fatto bene ed e’ un luogo che inganna le percezioni come pochi.


Visualizzazione ingrandita della mappa

06/11/2014

Il fuoco

Non importa quanta strada farai, ci saranno sempre micce accese nella tua vita, persone pronte a farti prendere fuoco, pronte ad attaccare, ferire far male e portarti a reagire come non vorresti.

Ne ho incontrata una oggi. Anzi reincontrata, perche’ ci eravamo incendiati piu’ volte e piu’ volte avevamo deciso di ritentare. Oggi ho capito che a volte e’ meglio lasciar perdere che non con tutti ci si potra’ trovare. Siccome sono tutt’altro che perfetto, certi attacchi mi fan reagire come non vorrei e come non mi succedeva da tempo. Quindi la cosa migliore e’ troncare ogni rapporto con chi puo’ far prendere fuoco.

Non e’ una conquista ne’ una vittoria, al contrario e’ una sconfitta del mio modo di essere e di pensare, ma adesso va cosi’. In futuro si vedra’.

E con questo torno a scrivere piu’ spesso nel blog ;)