...e si può dividersi e non sparire...
se è così riabbracciami quando vuoi!

Domani, Pooh 2004

31/03/2012

Un angioletto e gli adulti che decidono

Quando ti passano questo link (no, non aprirlo, non ancora, lo dico per te, prima leggi tutto) ti chiedi se e’ vero, speri non lo sia, che sia una bufala, un video virale, una mossa dei legali, che non sia tutto come sembra, che…

Curioso? No, aspetta. non aprire ancora. Guarda che fa male. Continua a leggere.

Ascolti tutto, googli. Ne sai quanto prima ma pur con tutte le cautele provi un tale sentimento di rabbia verso chi ha deciso questo e pensi che se ci sara’ un referendum per approvare la responsabilita’ civile dei magistrati tu la voterai perche’ cosi’ almeno sai che prima di prendere certe decisioni ci penseranno non una, non due, ma mille volte per essere sicuri di fare davvero la cosa giusta. Io non la posso sapere ma loro devono saperlo prima di fare una cosa simile. Poi razionalizzi e capisci che non risolverebbe niente e la tua e’ rabbia per una vicenda di cui sei venuto a conoscenza, mentre tante altre accadono nel silenzio e straziano le vite e dovrebbero essere affrontate dai media e dalla politica che invece non ha attenzione che per se stessa.

Insomma… meglio non pensare a questo mondo ingiusto e pregare per una creatura strappata dal suo nido.
E a lei dedico Domani, che l’angioletto che io conosco porti un battito d’ali di serenita’ nel suo cuoricino in attesa che altri decidano cosa e’ giusto per lei, perche’ per i grandi e’ logico fare cosi’.

Ora puoi guardare il video. Ma attento: fa male, tanto male. Tienti un fazzolettino vicino. Poi prega, perche’ una goccia di Dio indichi la strada a tutte le persone coinvolte in questa vicenda straziante. Poi passa parola, perche’ di queste cose bisogna parlare e solo se verranno tutte portate alla luce, forse, chi puo’ fara’ leggi diverse.

Comunque e qui lo grido, comunque stiano le cose questa telefonata, cio’ che si sente e’ una vergogna!

Piccolo edit 1: ho fatto la mia parte perche’ se ne parli anche oltre il web.

Piccolo edit 2: oggi 31/3 in Piazza San Pietro (Citta’ del Vaticano, Roma) fra le 18 e le 21 ci sara’ un sit di preghiera perche’ questa tragedia si risolva. Che siate credenti o meno, andateci. Fossi di li io ci andrei subito!
Maggiori info qui.

26/03/2012

La cronaca del Veneto

Il Gazzettino chiude le porte alla consultazione gratuita del quotidiano. La mentalita’ dell’abbonamento colpisce anche questa testata che finora aveva offerto la lettura gratuita dalle 14 avvalendosi di banner e sponsorizzazioni.
E’ buffo: si possono leggere le notizie di mezzo mondo e dei posti piu’ strani e lontani, ma la cronaca locale del Veneto viene blindata, con buona pace di quanti, giovani che lavorano lontani, pensionati o semplici cittadini interessati alla vita della propria citta’, perderanno la possibilita’ di conoscere gli eventi locali.

Molti giustamente si lamentano: a leggerlo dopo le 14 erano soprattutto pensionati e persone che abitano lontano dalle loro terre d’origine. Eccomi quindi a stilare una lista di siti di notizie legali e gratuiti, perche’ giustamente si sostengono con la pubblicita’ e le sponsorizzazioni.

Essendo di Mestre privilegio i giornali e siti che parlano della mia area, ma se ne conoscete per le altre province del Veneto segnalate pure.

T-Vision
Le news in video di Antenna 3 su Venezia/Mestre, Treviso e Padova

Rete Veneta
I TG quotidiani di Rete Veneta per Mestre/Venezia, Treviso, Padova e Vicenza

Il Corriere del Veneto
Il Corriere del Veneto offre notizie locali di Venezia-Mestre, Padova, Verona, Treviso, Vicenza, Belluno e Rovigo

La nuova Venezia
La nuova di Venezia e Mestre offre una selezione di notizie gratuite dalla citta’

Venezia Today
Venezia Today offre cronaca di Venezia e Mestre
Vedi anche Mestre Today

Ansa
Le notizie ANSA relative al Veneto

Youreporter.it
Le news del Veneto da YouReporter.it

Come altri, non comprero’ piu’ nemmeno l’edizione cartacea come ogni tanto mi capitava di fare. Sono liberi loro di fare determinate scelte come lo sono io, se non le condivido, di decidere a chi dare i miei soldi o su quali banner cliccare.

Aggiornamento 27/3/2012

Archivio storico di Repubblica
Con questo servizio si possono fare ricerche nell’archivio del famoso quotidiano ma anche di un gran numero di testate locali anche venete fra cui La Nuova Venezia, il Mattino di Padova, la Tribuna di Treviso e altri. Gli articoli degli ultimi 2 giorni sono a pagamento (ma se ne possono leggere i titoli e un estratto), ma tutti i precedenti sono consultabili gratuitamente.

Aggiornamento 18/5/2012

Rassegna stampa sul sito della Camera dei deputati
Archivio rassegne stampa sul sito del Senato
Molti fra i commenti alla notizia sul sito del Gazzettino chiedevano di poter vedere almeno la prima pagina. Lo consente la rassegna stampa sul sito istituzionale del Governo. Dal 18 maggio 2012 il Gazzettino inoltre ha ricominciato a pubblicare la prima pagina delle proprie edizioni locali.

Archivio storico della Nuova Venezia
Ecco, per semplificare la vita a molti, il collegamento all’archivio storico della Nuova Venezia che permette di leggere tutte le notizie pubblicate dal 2003 a oggi. Le notizie pubblicate da piu’ di un giorno sono accessibili gratuitamente.

Se conoscete altri siti, scrivete!

19/03/2012

19 marzo

Quando quattro anni fa venne a mancare il medico cui devo gli occhi, per ricordarlo scrissi che non avendo avuto un padre avevo scomposto questa figura nei diversi ruoli e a lui sin da bambino avevo attribuito quello della protezione e cura, cosi’ come ad altri, nel tempo, ho attribuito il ruolo della guida, ecc.

Attribuire ad alcune persone quel ruolo mi veniva naturale e anche per questo adoro la canzone “Io sono Francesco” di Tricarico che a un certo punto dice “il padre รจ solo un uomo e gli uomini son tanti: scegli il migliore, seguilo e impara”. Del resto, se non si potesse distinguere fra padre biologico e ruolo del padre non funzionerebbero le adozioni e pure san Giuseppe non sarebbe stato vissuto da Gesu’ come tale.

Seguire il migliore, dunque. Ce ne sono stati diversi nella mia vita ma uno in particolare che ho cercato di seguire e da cui ho tratto molto di cio’ che sono oggi. Forse l’ha intuito ma non gliel’ho mai detto esplicitamente, anzi temo, con le mie intemperanze d’allora (ero molto piu’ giovane…), d’avergli dato piu’ di un dispiacere.

Mai avrei potuto immaginare che in quattro lustri le cose si sarebbero rovesciate e da due anni a questa parte sarei diventato io quello “da seguire” (il migliore non credo proprio). Certo, per molta gente sono stato e sono (immeritatamente a mio avviso) una persona da ascoltare, ma da qui a sentirsi chiamare in un certo modo, considerare in un certo modo, avere un po’ di influenza sulla vita di una persona adorabile e riuscire (forse) a evitarle qualche scelta sbagliata (come qualcuno tento’, non sempre con successo, di evitarle a me…) ce ne passa! Anzi fa tutto un altro effetto… e non fa sentire grandi ma ancora piu’ piccoli e impone ancora piu’ responsabilita’.

E cosi’ sebbene avessi archiviato la possibilita’ di diventare padre (ho chiuso il cuore dopo un dolore troppo grande ventun anni fa) mi scopro a essere vissuto in quel ruolo, pur con le mie fragilita’, i miei limiti e i tanti tanti tanti difetti. E vengo perfino festeggiato oggi. Ma in fondo il regalo piu’ grande e’ avere la possibilita’ d’essere punto di riferimento, sicurezza e guida per una persona che fra l’altro stimo immensamente. Non ne sono minimamente all’altezza ma e’ tanto bello…

Non ho fatto nomi. Ne’ della persona che piu’ ho seguito da giovane, ne’ della persona che mi segue. Siamo sempre in un posto pubblico, letto da tanta gente (fra cui persone che non mi vogliono troppo bene), e certe cose voglio che restino “mie”. Chi mi conosce bene sa esattamente di chi parlo. Anzi forse in fondo lo sa davvero una sola persona, quella cui dedico il post e tantissime energie per evitarle… molti dei miei stessi errori. E la storia si ripete e si tramanda…

A te che sei stato nei giorni di ieri e a te che sei nei giorni di oggi. Non meritavo di conoscervi, ma i nostri giorni si sono incrociati e di questo sono immensamente grato al Cielo…

17/03/2012

Grendizer rerurn reloaded

Io sono della generazione cresciuta con Goldrake.
Giravo in Youtube. Ho pescato il video dal titolo “GRENDIZER RETURNS RELOADED” (non lo linko, cercatelo) e sono rimasto SENZA FIATO, a BOCCA APERTA per tutto il video e ancora non mi riprendo.

Grazie a chi fa queste meraviglie!!!!!!!!!!!!!!!
Non aggiungo niente altro… cercatelo in Youtube e guardatelo….

Io torno a rivederlo in adorazione…

16/03/2012

Firefox 11

Altro giro, altro aggiornamento di Firefox che arriva alla versione 11.

Di bello c’e’ l’integrazione dell’estensione tilt che permette di visualizzare le pagine web in 3d e analizzarne facilmente la struttura. Mostra fra le altre quanto codice integrino i vari pulsanti “like”, “share”, “+1″ e simili.

Interessante pure il nuovo editor di CSS in tempo reale, ma devo prenderci la mano per capire se mi puo’ facilitare la vita.

Apprezzo che le mie estensioni preferite (e per me indispensabili, come HTML Validator, Web developer e ColorZilla) continuino a funzionare e ho l’impressione, anche se nelle note brevi non mi e’ parso di vedere nulla al riguardo, che la nuova versione di Firefox sia piu’ veloce e usi un po’ meno memoria. Direi che la concorrenza di Chrome fa bene!

Coraggio, andate nel menu aiuto, scegliete “Informazioni su Firefox” e aggiornate che piu’ gente ha un browser moderno con un buon supporto ad HTML5 e CSS3 piu’ e’ semplice la vita chi crea pagine web ;)

14/03/2012

Ciao Gjylsime

Gjylsime. Otto anni alle spalle e un nome che non so pronunciare.
Chissa’ i tuoi compagni lo sapevano pronunciare o ti prendevano in giro come spesso i bimbi fanno, non sempre senza cattiveria.
Venivi da una terra che ha sofferto, il Kosovo.
Ieri eri in giro con la tua cuginetta di 11 anni e il tuo fratellino.
Attraversavi sulle strisce di una trafficata strada di Treviso.
E’ stato un attimo, non si sa bene come sia andata, ma e’ stato un attimo e di li’ a poco mentre tanti adulti attorno al tuo corpicino cercavano di farlo vivere e lenire il dolore, tu sei volata lassu’.

Sul Gazzettino mi tocca leggere commenti di chi si chiede la nazionalita’ di chi ti ha investita; dibattiti sulle colpe dei pedoni e degli automobilisti; se attraversavi col rosso o col verde e come mai eri sola per strada. Addirittura c’e’ chi scrive che di bimbi ne muoiono tanti e si sorprende che altri commentatori si siano commossi per la vicenda.

Purtroppo i grandi sono cosi’, Gjylsime. I grandi e forse gli abitanti di questo paese che preso dai suoi problemi inizia a chiudere il cuore. Oggi sono morti 22 bambini in Svizzera in un incidente stradale. Giocherete insieme? E giocherai con i bambini uccisi in Siria l’altro giorno? Sono tragedie. Spero che lassu’ abbiano un senso. Spero che saprete insegnarci qualcosa.

Riposa in pace, anzi no, che noia! Divertiti lassu’ e butta giu’ un po’ di polvere di ali d’angelo per chi resta e per questa povera umanita’ che sta chiudendo il proprio cuore al prossimo e rischia di accettare come normalita’ la morte di un bambino.

Un abbraccio forte, ciao Gjylsime.
E naturalmente un abbraccio e una preghiera per la tua cuginetta e il tuo fratellino che ti hanno vista andare in cielo… veglia su di loro, ne avranno tanto bisogno ora.