...e si può dividersi e non sparire...
se è così riabbracciami quando vuoi!

Domani, Pooh 2004

25/05/2010

Der Fürst und das Mädchen

Alle 20 c’e’ il TG1. Una volta lo guardavo ma adesso proprio no e non credo serva spiegare perche’.
Beh, e’ stato un bene: mi godo Blob e poi la bellissima serie tedesca di cui nel titolo del post e che in Italia e’ stata tradotta ne “Il principe e la fanciulla”.
Si tratta di una produzione tedesca della durata di circa 20 minuti a episodio. La considero una via di mezzo fra Dallas e una soap, con gli intrighi d’affari del primo e alcuni elementi da soap. Molti esterni, set di lusso, panoramiche che regalano respiro alle scene, momenti divertenti e drammi. Ne sono state prodotte tre stagioni fra il 2002 ed il 2007 e temo siamo agli sgoccioli (ma potrei sbagliare) ma la consiglio ugualmente!

Qui alcune informazioni:
Wikipedia in italiano
Wikipedia in tedesco (voce piu’ completa, casomai usate Google translator)
Youtube (qui trovate la sigla di apertura, stupenda e che mi ha attratto per prima e spinto a guardare le puntate…)

Bravi i tedeschi, fra questo, Alarm für Cobra 11 – Die Autobahnpolizei (Squadra Speciale Cobra 11) e il vecchio ma sempre bello Die Schwarzwaldklinik (La clinica della foresta nera) da anni riescono a coinvolgermi fin quasi piu’ degli statunitensi!

Occhi… OK

Il titolo dice tutto, grazie a chi mi ha scritto e a chi mi ha pensato oggi ;-)
E’ stata anche l’occasione per risentire alcune persone via SMS.

PS: solo a me puo’ capitare che la mia oculista, parlando a un collega, dica “chiediglielo, e’ lui che ci ha fatto mettere Firefox!” ;-)

24/05/2010

Controllo e ricordi

…e oggi si va dalla mia oculista preferita a verificare come vanno le cose.
Ed e’ stato tanto bello stasera raccontarlo a una persona che tre anni fa ha seguito tutta la mia odissea e spero che domani mi pensi un po’ :)
Ricordi… :)

11/05/2010

Una interessante discussione… aperta

Segnalo una bella discussione su FB nel blog di Massimo Mantellini. Non parla tanto di privacy e altre cose che ben sappiamo tutti, quando di target e dinamiche sociali online.

Puo’ leggerla e parteciparvi chiunque, non bisogna essere pseudo-amici dell’autore per dire la propria. E a margine questa per me e’ la principale differenza fra il web sociale, aperto, e la chiusura di FB, tanto aperto al suo interno quanto chiuso verso l’esterno, quasi a voler creare un nuovo microcosmo e obbligare chi vuol accedervi a regalare informazioni sulla propria vita all’azienda.

08/05/2010

Rapporti sociali nell’era delle reti sociali

E’ sconcertante rendersi conto di come taluni siano riusciti a sfruttare i desideri delle persone per profitto.

Oggi se da una parte passiamo il tempo a firmare documenti sulla privacy per fare qualsiasi cosa, dall’altra in tanti fanno a gara per regalare la propria vita (e spesso anche quella dei propri conoscenti) ai social network, esponendosi a una gran quantita’ di rischi passati e futuri (per esempio quando un datore di lavoro scoprira’ che amano dar di matto alle feste o una fidanzata praticante vedra’ le loro opinioni di 5 anni prima su certi temi etici…).

Fin qui uno potrebbe, entro certi limiti, pensare “fatti loro”.
Poi pero’ la voglia di emancipazione (“il mio spazio, senza intermediari”), di notorieta’ (“tutti vedranno quel che faccio”) e soprattutto di approvazione e appartenenza (“sono nel gruppo, il gruppo e’ con me”) porta a vere esagerazioni. Cosi’ nasce e si diffonde il fenomeno del “o con noi o lontano da noi”.

Sempre piu’ spesso vengo a sapere di persone, giovanissimi ma non solo, isolate dai propri conoscenti perche’ non si piegano a raccontare la propria vita al mondo e ad un’azienda offrendo dati, foto, attivita’, frequentazioni e soprattutto relazioni. Sei stato malato e vuoi i compiti della settimana? Se non sei su FB sei fuori. Vuoi sapere quando si terra’ la prossima festa? La organizziamo su FB, iscriviti cara o stattene a casa sola. E via cosi’…

Da questa situazione ci sono tre vie d’uscita.

1) la persona e’ forte e resiste o catalizza comunque l’interesse del gruppo o parte di esso (compagni di scuola, colleghi, soci del club di bocce, ecc…).quindi puo’ benissimo resistere alle pressioni.

2) la persona cede, rinnega scelte liberamente fatte (per gusti, buon senso, precauzione o quant’altro) e insegue il gruppo, contribuendo a peggiorare lo stato di chi si trova nella terza situazione.

3) la persona non cede o non puo’ farlo (situazione economica, divieti famigliari per i piu’ giovani, limiti fisici, ecc), si trova isolata e ne soffre, con parte del gruppo che per trovare conferma alla propria scelta di seguire gli altri acuisce l’isolamento con comportamenti o frasi di critica.

Volete vedere alla prova il meccanismo? Dite ai vostri amici che non vi piacciono certi social network. O vi salteranno addosso o vi derideranno. Siete voi che non avete capito niente e vi isolate. I cool sono tutti li! ;-)

Sette anni fa la parrocchia con cui collaboro aveva un esercito di chierichetti. A un certo punto pensammo anche di creare uno spazio online per favorire il dialogo fra loro. A fermarci la consapevolezza che alcuni non avevano ne’ avrebbero potuto avere un computer e la connessione. Decidemmo quindi di evitare di creare quelli che definii “due cerchi concentrici”, uno dei ragazzi continuamente in contatto fra loro e quindi piu’ vicini e l’altro degli esclusi.

Dagli insegnanti ci si aspetterebbe lo stesso buon senso di un gruppo di volontari parrocchiani, non che diano i compiti sul gruppo della classe (w la privacy sui luoghi frequentati…).
Bisogna disincentivare questo effetto perverso per cui la vita di una classe o di un ufficio ruota attorno alla disponibilita’ di tutti di determinate risorse! Altrimenti ci va di mezzo non solo chi fa scelte diverse (e ne ha tutto il diritto e secondo alcuni anche molte ragioni di farle) ma anche chi non puo’, perche’ meno agiato o frenato da altre difficolta’.

A tratti mi sembra che queste reti sociali portino con se’ molto isolamento, complici anche scelte avventate di chi resta abbagliato dalle novita’ senza analizzarne le conseguenze… sociali.

06/05/2010

Still alive, vigilia, cambiamenti

Sono ancora vivo, eh!
Cambiano abitudini, frequentazioni e magari la sera resta meno tempo o voglia di scrivere qui dopo che hai commentato su qualche sito di quotidiani locali, scritto in qualche forum o dato il tuo contributo a it.wiki.

Domani, dopo tanto, test del campo visivo.
Quanta acqua e’ passata sotto i ponti dall’ultimo. Ci saranno nuove persone che mi chiederanno com’e’ andata e altre che non lo sapranno nemmeno. Ma e’ la vita credo e nonostante il periodo, quest’anno, i pensieri e tutto, mi sento bene, ho ancora tante nuove idee e sono soddisfatto di cio’ che faccio.
Al punto che stasera mi regalo, cosa rara per me, un po’ di normalita’ e dopo il film della sera (l’ultima puntata di RIS) me ne vado a letto per farmi serenamente otto ore di sonno.