...e si può dividersi e non sparire...
se è così riabbracciami quando vuoi!

Domani, Pooh 2004

23/05/2006

Mappe, mappe, mappe…

E dopo il saotracker (che tornera’ questa estate) ho deciso di portare Google Maps nella mia parrocchia, con questa bella mappa interattiva ;)

Dall’estate scorsa, epoca in cui realizzai il saotracker, molto e’ cambiato: la versione 2 della API di Google Maps semplifica molto le cose e i tutorial che ho trovato mi hanno permesso di CAPIRE quel che facevo e non soltanto di mettere assieme pezzi di codice.

Si cresce sempre, pare…

22/05/2006

Voler bene

Oggi ho chiesto come mai si vuole bene.
Mi e’ stato risposto con una domanda (grrr!).

Ecco la risposta che mi sono dato.

Non scegliamo le persone a cui voler bene.
Vogliamo bene e basta. D’istinto.
Un affetto che puo’ essere accolto o rifiutato
ma credo che rinunciare all’affetto delle persone
non sia mai saggio. E se poi si resta da soli?

21/05/2006

Due colombi

Domenica mattina ore 6 e 27. Non riesco a dormire perche’ la mente e’ piena di pensieri. Tutte le cose da fare e da costruire (o magari da ricosteruire), al PC e nella vita, si affollano nella mia testa quando sono a letto.

Ad un tratto smetto di pensare e mi accorgo del resto del mondo. A quell’ora le macchine ancora non circolano e si puo’ udire il risveglio della natura. Uccellini, piccioni, battito d’ali. Dei piccioni hanno preso a dimora il mio tetto (ce ne accorgiamo dai regalini che lasciano :) quindi ogni mattina li sento zompettare. Questa volta pero’ e’ diverso, il battito d’ali e’ molto piu’ vicino. Che si siano avventurati fin sulla ringhiera della terrazza, sfidando il mio gattone?

Mi alzo e prestando molta attenzione ad evitare il minimo rumore raggiungo la finestra, scosto delicatamente la tenda e oltre la veneziana intravedo cio’ che non mi aspettavo proprio: non uno ma due colombi sono appollaiati addirittura sul davanzale e da li spiccano brevi voli salvo poi tornare qui.

Li osservo per un po’ e loro probabilmente vedono me, coi loro occhi ai lati del muso che offrono un ampio angolo di visione. Non si scompongono, anzi. Zompettano all’interno del davanzale come se fosse uno spazio protetto, una base di ristoro fra un volo e l’altro. Uno e’ giusto davanti a me. Non e’ minuto ne’ grasso e sembra giovane.

Forse dovrei pensare che stanno usando la mia finestra come un vespasiano, fare un rumore che li spaventi e li faccia volare via col cuore in gola. Ma non importa, se stanno facendo i loro bisogni poi puliro’. Mi commuove vederli li. In un mondo a loro ostile fatto di rumori, auto che li investono, uomini che li scacciano, hanno scelto la mia finestra per i loro giochi, per provare a volare o avere un posto tranquillo su cui stare per qualche minuto. Ora hanno smesso di giocare. Restano appollaiati a guardare cio’ che ai miei occhi di umano sfigge. Non sono in tensione, i loro corpi sono rilassato e non sentono il bisogno di guardarsi continuamente attorno. Sanno che io ci sono e li osservo ma non hanno paura. Restano un po’ li poi entrambi, come se l’avessero deciso con un qualche gesto d’intesa, scattano e volano via. Buona giornata e state attenti! Ciao.

Scopriro’ piu’ tardi che non c’e’ assolutamente niente da pulire. Cercavano davvero un posto tranquillo. Anzi chissa’, magari non e’ la prima volta che vengono. Tornate quando volete!

20/05/2006

Tiger Mask II…

Tiger Mask II (sarebbe l’Uomo Tigre)… in arabo! Bellissima la canzone!

Come? Farei meglio ad andare a letto invece di giocherellare con YouTube? In effetti…

Spam

Il blog e’ sotto attacco di commentatori spammosi. Li cancello senza fretta, tanto a breve spostero’ il blog su altro software. Per adesso auguro a chi spamma i blog altrui la visione di questo allegro video (guardatelo, voi non spammer, se siete temerari e amanti della D’Avena ;p)

19/05/2006

E guardo il mondo da un (Google) oblo’…

Google Earth e Google Maps sono servizi che non finiranno mai di stupirmi e affascinarmi…

un click, scrivi un indirizzo… e puoi vedere il mondo, volare sul mondo, esplorare citta’ e luoghi lontani, cosi’ come la tua citta’… puoi vedere come sono fatti (almeno dall’alto) luoghi che hai sempre sentito nominare, o riscoprire dal cielo posti in cui sei stato.

Credo che non ci sia ben resi conto della meraviglia di questi servizi che, non bastasse il mondo dal cielo, ci offrono anche i nomi delle strade ed i percorsi (queste ultime due cose non sempre perfette ma diamo loro tempo…).

Grazie Google!

16/05/2006

Un po’ di serenita’ anche per me

La musica, l’aver trovato un libro cercato per tanti anni (Terra di smeraldo), la volonta’ di rimettersi in corsa e finire alcuni progetti in sospeso da troppo tempo…

Ecco gli ingredienti che, assieme ad alcuni testi de “L’Incontro” (vedi post precedente) mi hanno decisamente restituito un po’ di serenita’. Ora vorrei solo riuscire a ritrovare chi ho allontanato troppo senza rendermi conto che dietro quella maschera dura c’e’ una persona dolce e a volte fragile a cui tengo davvero.

Ti aspettero’ e ti cerchero’, dovessero volerci cent’anni :)

13/05/2006

L’odio

Su “L’Incontro“, il foglio settimanale di don Armando di cui ho gia’ parlato in queste pagine, la signora Daniela Cercato ha scritto un bel pezzo sull'”odio” che ho trovo molto utile e istruttivo, tanto da voler tentare di “viverlo” e desiderare di condividerlo con i lettori di questo blog.

L’ODIO

L’odio è una cosa cattiva? Non sempre, a quanto pare. La parola "odio" compare spesso nella Bibbia in maniera positiva: Dio odia il male. I Proverbi sono un libro che la cita spesso. Ci insegna ad amare i nostri nemici pur disprezzandone gli atti malvagi. Come ci comportiamo in base a questo odio? Un modo è piuttosto ovvio: non facciamo le cose che odiamo.

Questo ci conduce alla regola aurea di Gesù: "Tutto quanto desiderate che gli uomini facciano a voi, fatelo voi pure a loro" (Matteo 7,12); nonché al suo contrario "Non fare agli altri ciò che non vorremmo fosse fatto a noi". Se odiamo l’arroganza degli altri, dobbiamo essere umili. Se odiamo la menzogna e la maldicenza, non dobbiamo partecipare di queste cose. Se odiamo la conduzione disonesta degli affari, dobbiamo essere onesti. A essere sinceri, la moralità della Bibbia è sorprendentemente semplice: odiamo in noi le stesse cose che odiamo negli altri, coltiviamo in noi le stesse qualità che apprezziamo negli altri. E’ "una filosofia" molto semplice, fondamentale, ma talvolta anche molto difficile da mettere in pratica, poiché noi facilmente non vediamo le nostre manchevolezze mentre vediamo bene quelle degli altri. L’apice dello sviluppo morale di un uomo si raggiunge quando egli impara a giudicare se stesso come giudica gli altri.

Va benissimo dunque aborrire l’avidità e la lingua velenosa nel prossimo, purché sappiamo odiare le medesime cose in noi stessi. Vi è tuttavia una riflessione di base da fare: se, guardando al prossimo e ai suoi difetti, guardiamo anche a noi, ci accorgeremo che non possiamo cambiare gli altri nel loro carattere, ma possiamo cambiare e correggere noi stessi. E prestare dunque attenzione sufficiente ai nostri difetti è certamente il modo migliore per distoglierci dai difetti degli altri.

Nella nostra correzione dovremmo convincerci che dobbiamo odiare il male come qualcosa che non ha posto nella vita umana, cosi come le erbacce non hanno posto nel nostro giardino. E sebbene possiamo detestare le erbacce nel giardino del vicino, l’unico luogo opportuno in cui metterci a zappare -in definitiva- è solo sulla nostra proprietà. Sradicare i nostri peccati richiede tempo e attenzione: decidiamo di dedicare del tempo a questa attività. E ricordiamo di quel saggio detto indiano che afferma: "Prima cambia e riforma te stesso e ne riformerai diecimila".

Daniela Cercato

11/05/2006

Una sera di maggio

Sono le 23 e 40.
Sono stato un po’ in terrazza.. si sta meglio fuori che detro e domani sara’ una giornata calda.
Bastera’ a scaldare il mio animo malinconico, stanco per tutte le cose successe negli ultimi tempi e le paure del domani?

Non lo sapro’ se mi svegliero’ ancora tardi, quindi per una sera a letto prima dell’aggiornamento di Punto Informatico di mezzanotte.

Ciao

10/05/2006

Ma sono seri?

– Bertinotti alla Camera
– Marini al Senato
– Napolitano al Quirinale

Una cosa va detta: dopo tante parole e promesse di cambiamenti in tre settimane hanno eletto, a forza, tutti i propri esponenti nelle istituzioni, con un metodo democratico esemplare: “accordiamoci sul nome, votate il nostro candidato”.

E fin qui sapevamo tutti che sarebbe andata cosi’… si sperava solo che il nome imposto dall’Unione (con la coerente eccezione della RnP che critica questi metodi e mi rende orgoglioso di averli votati) fosse un nome di cambiamento. Una donna? Un presidente “giovane”, vivace, attivo come D’Alema o Amato? No. Si resta sulla linea dei grandi vecchi/saggi del Senato.

Vabbuo’, speriamo possa essere un buon Presidente anche se e’ stato eletto nel peggiore dei modi.

Auguri Presidente!

PS: intanto l’imitazione che gia’ ne fa Fiorello e’ splendida :)

08/05/2006

Fermarsi e guardare indietro (o in basso in questa pagina).

Io sono credente. Non sono praticante ma ci credo, credo in un Dio, credo nella differenza fra bene e male e credo che a fare del male a qualcuno ci rimettiamo anche noi.

Molto spesso durante le discussioni affermo che alla fine di ogni giornata mi faccio un esame di coscienza. Ecco, questa volta lo faccio nel blog, per poterlo rileggere in futuro.

Oggi sono stato duro, molto duro, con una persona che negli ultimi mesi mi ha fatto davvero male (ed e’ stata male di suo). Lo meritava? Credo di si’. Ho usato toni eccessivi? Si’, anche quello. Lo rifarei? Credo di… non lo so… NO.

Credevo che sarei stato meglio, che gridandole in faccia il male che mi ha fatto avrei scacciato la malinconia e la nostalgia ma passata l’adrenalina e’ tornato tutto, con in piu’ la consapevolezza che se anche ha capito i suoi errori, dalle mie parole ha tratto sofferenza. E che differenza c’e’ fra la sofferenza che ha dato lei a me e quella che ho dato io a lei? Sempre sofferenza e’.

Vuol dire che oggi non ho agito da buon credente, come vorrei essere.
Cerchero’ di fare di meglio d’ora in poi. E di evitare di rispondere alla sofferenza con altra sofferenza. Le stesse cose si possono dire in modi diversi.

07/05/2006

e basta…

Ma perche’ devo stare tanto male per una persona a cui voglio bene per cui ho camminato sull’acqua e che mi ripaga con il nulla e qualche cattiveria?

E’ come se avessi bevuto una bottiglia intera di veleno. 540 poison.
Il peggiore, quello che non t’aspetti: ti prende a tradimento quando pensi di aver ritrovato qualcuno e quel qualcuno invece decide di farti fuori. Non oggi, da giorni, ma sto “realizzando” che e’ cosi’ e non posso farci nulla se non illudermi e starci male.

E’ un veleno terribile perche’ quando lo incontri non puoi piu’ farne a meno e cosi’ ti ammazza, ti ammazza e ti ammazza.

06/05/2006

L’Incontro, una lettura consigliata

Il sito e’ quel che e’ (la persona che lo cura usa ancora Frontpage e non se ne vuol staccare) ma il contenuto merita. Parlo della pagina dedicata al foglio L’Incontro voluto da don Armando Trevisiol e che dopo le mie… delicate… insistenze qua e la e’ approdato sul web.

Non importa se non conoscete don Armando, se non siete di Mestre o se magari pensate che questo genere di letture non faccia per voi. Provate a vedere cos’ha da dire un sacerdote che ha fatto dell’impegno concreto verso anziani e poveri la propria missione di vita. Leggete il suo “blog cartaceo” (“Diario di un prete in pensione”) nei numeri in PDF messi a dispozione settimanalmente sul sito del Centro don Vecchi. Vi stupira’.

05/05/2006

Influenza lampo

Stacchi tutto, scolleghi la presa dello stereo (niente campi elettromagnetici della casse sulla mia testa, grazie), te ne vai a letto e arrivano i brividi. Stanchezza o febbre? Provi a resistere. Ti addormenti pochi minuti e sogni una immensa tempesta di neve. Brr! Ti risvegli. La fronte e’ oggettivamente calda. Un’aspirina, duecento coperte e inizi a calmarti. Ti riaddormenti. Ti svegli stanco e un po’ provato ma tutto sommato OK. E’ andata anche questa e la febbre mi ha regalato un’idea per migliorare i miei script PHP. Vedremo :)

04/05/2006

hOle

Ogni persona e’ unica e insostituibile e alla fine chi non c’e’, anche se ti fa arrabbiare e la divoreresti (a partire dalla O) un giorno si e uno anche, scava un buco profondo nell’anima.

Post enigmatico e inutile, penso, ma e’ un piccolo sfogo che gli amici capiranno.