21/09/2003

GF e Pianeta Amiga

E anche quest’anno ci siamo…
E’ arrivato Pianeta Amiga, la grande Manifestazione Amiga a cui e’ scontato che tutti gli utenti di questa piattaforma debbano partecipare, soprattutto quelli che nel bene e nel male sono piu’ popolari…

E come ogni anno arriva la solita domanda:
“ma Favrin quest’anno viene a PA? Non viene? E perche’ non viene?!”

Gia’, perche’ Favrin a PA non ci va quest’anno, come non ci e’ mai andato negli anni precedenti. Tant’e’ che sono iniziate a circolare persino diverse ipotesi, alcune fantasiose, altre a dir poco stupide…

– “Non viene perche’ sa che lo menano!”

Eh? E’ una fiera informatica oppure un torneo di Wrestling?!? ;-) Che io sappia nessuno mi vuole “menare”, al massimo qualcuno potrebbe dirmi parole perche’ ho sempre espresso le mie idee e seguito i miei principi morali, popolari o impopolari che fossero… ma non mi spaventa certo una critica costruttiva o una parolaccia da chi evidentemente non e’ capace di esprimersi diversamente, ci mancherebbe…

– “Non viene perche’ e’ gay!”

Questa e’ curiosa; non sono omosessuale ma se anche lo fossi cosa mi impedirebbe di partecipare a PA? Forse c’e’ una discriminazione sessuale? O forse chi se ne esce con simili sparate e’ cosi’ rozzo da considerare l’appellativo “gay” un insulto e non aver ancora imparato ad accettare una societa’ dove eterosessuali e omosessuali possono convivere tranquillamente? Certo, pensare di incontrare gente cosi’ non invoglia, ma fortunatamente sono una minoranza!

– “Forse e’ paralitico!”

Ennesima stupidaggine che mi e’ toccato sentire. Come devo interpretarla? Significa che il luogo dove si svolge PA non e’ a norma e non permette l’ingressso ai disabili? Ne dubito. Allora cos’e’, una forma di insulto tipo quello di cui sopra? Ma per favore, siamo tutti adulti e queste frasi sono degne dei gabinetti delle scuole medie!

Non temo picchiatori, non sono omosessuale e nemmeno disabile, pero’ non vado a Pianeta Amiga e manifestazioni simili.

Perche’? Beh, la cosa e’ molto piu’ semplice di quello che si puo’ credere, in fondo.

Non ci vado perche’ queste manifestazioni non mi interessano. Ho partecipato al SIM di Milano dall’86 all’88, poi dall’89 al 95 sono andato allo SMAU, in un’occasione anche in uno stand e per parecchi anni nel giorno riservato agli operatori. Poi basta. Basta perche’ mi sono stufato e mi sono reso conto che tali eventi non fanno per me. Si apprende pochissimo a causa vuoi della ressa vuoi del fatto che oltre a te c’e’ molta altra gente e non puoi stare a “cincischiare” seriamente con le cose esposte (ammesso di poterle proprio provare!).

Quando lo dico mi si obietta che a queste fiere si va anche per “incontrare altri appassionati dello stesso settore”. Ah si’? E che incontro e’? Quattro chiacchiere, due battute, una pizzata assieme a tanti altri in un ambiente affollato, magari beccando la compagnia sia di chi si vuole incontrare sia di chi francamente si preferirebbe non vedere affatto (il mondo e’ bello perche’ e’ vario e non ci si puo’ piacere tutti). Troppo superficiale e sconfusionato come incontro. Mi stava bene da ragazzo, adesso (beh diciamo da un bel po’ di anni…) non mi piace piu’.

Per il lato informatico posso raccogliere molte piu’ notizie in altri modi che facendo incetta di cartacce (depliant) e per quello umano… preferisco incontrarmi con gli amici direttamente. Vado io o vengono loro. Si passa un paio di giorni assieme, si gira per la citta’, si parla e ci si conosce decisamente meglio che fra gli stand di una fiera. Diversa gente all’interno della comunita’ mi ha conosciuto (e si e’ trovata bene, cosi’ pare), quindi tranquillizzo tutti che esisto eccome ;-)

Il tutto senza entrare nel merito di cio’ che ha da offrire Pianeta Amiga o del mio interesse calante verso questa piattaforma, che ormai vedo come un utilissimo strumento ma non certo come una fede da professare; anzi mi rattrista che ci sia gente che in nome di quella fede insulta, litiga o si rovina le giornate… ma questo e’ un altro discorso.

Inserisci un commento

Commento

In questo blog non sono graditi commenti anonimi, provocatori oppure offensivi. Esiste la libertà di opinione e critica alle tesi espresse ma la si esercita firmandosi (va bene anche un nick) e con educazione.