09/01/2014

Io (che andavo per le strade di quartiere)

Io che se mi riversi mille insulti cerco ancora il dialogo e ti perdono anche se mi costa.

Io che quando ci ricadi dico basta e rispondo sforzandomi di non usare arco e frecce velenose.

Io che imparo che un blocco vale piu’ di mille flame.

Io che dieci minuti dopo mi trovo a dimenticare tutto, ritrovare la voce serena e chiamare una persona che ha bisogno di una parola di conforto.

Io che mi sento piu’ vecchio e che oggi apprezzo anche i primi riflessi grigi fra i capelli.

Io che mi piaccio. E omaggio Califano con il titolo ;)

PS: alla fine l’oro nella sfida di NFS Rivals l’ho preso. E anche la serenita’ l’ho ritrovata. Perche’ a volte dire “no” a cio’ che non ci fa bene la fa trovare.

2 commenti per “Io (che andavo per le strade di quartiere)”

  1. aly scrive:

    bravo!sappi k t seguo sempre e k hai un posto al calduccio nel mio cuore! t voglio bene!

  2. René scrive:

    Sottoscrivo il commento di Aly!!!!

    Grande Gab, spero di riuscire a beccarti, prima o poi (passa anche tu a trovarmi, a Trieste, in primavera-estate che il tempo ed il panorama sono bellissimi)! :)

    Ciaoooo Gab

Inserisci un commento

Commento

In questo blog non sono graditi commenti anonimi, provocatori oppure offensivi. Esiste la libertà di opinione e critica alle tesi espresse ma la si esercita firmandosi (va bene anche un nick) e con educazione.