26/01/2009

Eluana è anche nostra figlia

Firmiamo tutti la petizione perche’ le volonta’ di Eluana e la sentenza definitiva della Corte di Cassazione siano rispettate. Per aderire basta mandare una mail mettendo semplicemente il proprio nome, cognome e la citta’.

L’articolo 32 della Costituzione italiana stabilisce che:

Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

Ovviamente ognuno deve agire secondo coscienza e la Chiesa ha tutto il diritto di esprimere le proprie posizioni, ma e’ immorale e illegale cercare di imporre a qualcuno in come vegetativo persistente di essere tenuto in vita contro la propria volonta’ espressa in precedenza, soprattutto quando cosi’ facendo si va anche contro una sentenza del massimo organo giuridico nazionale.

Oggi succede a Eluana.
E se domani capitasse a un nostro caro? O a noi?

Eluana e’ anche mia figlia. E per lei voglio il riposo eterno in Paradiso, perche’ e’ quello aveva detto di voler lei se le fosse successo quello che poi e’ successo.

Inserisci un commento

Commento

In questo blog non sono graditi commenti anonimi, provocatori oppure offensivi. Esiste la libertà di opinione e critica alle tesi espresse ma la si esercita firmandosi (va bene anche un nick) e con educazione.