03/01/2009

Le conseguenze dell’incoscienza

Un’amica si e’ iscritta a un social network italiano e mi ha dato la sua pagina.
Mi si e’ aperto un mondo!

Decine di persone che inseriscono nome, cognome, citta’ di provenienza, scuola o posto di lavoro frequentato e foto, talvolta in atteggiamenti che uno istintivamente terrebbe per se’.

E non basta: se uno si iscrive (io non ci tengo, grazie) ha a portata di mouse link di siti, blog e gli immancabili contatti/email, oltre alla possibilita’ di sapere chi diventa amico di chi (nei social network diventare amici equivale solo ad aggiungere un utente alla propria lista) e chi scrive a chi.

Difficile capire se questi comportamenti siano dati da incoscienza, da voglia di indipendenza o da ribellione verso quelle persone noiose che raccomandano sempre un minimo di prudenza nella vita online e offline. Forse sono tutte queste cose, forse e’ superficialita’, la stessa che ad alcuni nel mondo reale fa dire “ma cosa vuoi che succeda” o “non puo’ capitare proprio a me”…

Il brivido dell’avventura? Gli incontri dello stesso peso e profondita’ di quelli vissuti sotto il tunz tunz e le luci stroboscopiche? La ricerca di un posto per se’ in cui farsi conoscere? Ognuno cerca a modo suo un po’ di felicita’. Speriamo che questa ricerca non conduca a qualcosa di brutto e intanto complimenti all’unica persona che conosco, fra quelle che si sono virtualmente fatte radiografare su quel social network, che ha messo come cognome “lelelele”.

Inserisci un commento

Commento

In questo blog non sono graditi commenti anonimi, provocatori oppure offensivi. Esiste la libertà di opinione e critica alle tesi espresse ma la si esercita firmandosi (va bene anche un nick) e con educazione.